Che tempo fa: Ornella Vanoni preoccupa Fazio

Ludovico Merlo
  • Giornalista Professionista
29/11/2021

Ospite di Fabio Fazio a Che Tempo che Fa, Ornella Vanoni fa tremare Fabio Fazio quando annuncia che non sa se riuscirà ad arrivare a Natale. Una battuta oppure no? La cantante ha scherzato molto nel corso della puntata confessando che la vecchiaia la sta facendo tornare bambina.

ornella-vanoni-che-tempo-che-fa

Tra il serio e l’ironico Ornella Vanoni ha fatto preoccupare Fabio Fazio. L’artista milanese, 87 anni, appena entrata in studio si è seduta sulla poltrona e sbuffando ha esclamato:

“Non so se arrivo a Natale”.

Parole pronunciate a Che Tempo che fa, dette all’inizio della sua intervista. Parole che hanno colpito non poco il conduttore che però non ha voluto approfondire più di tanto il delicato argomento, chiudendo subito con una battuta:

“Mi sembra un bell’inizio di conversazione”.

Ma la Vanoni ci sta e spiega come si sente oggi:


Leggi anche: Sanremo 2021: Ornella Vanoni bacia Amadeus

“Perché dici questo? Sarà capitato solo a me? Dunque: sto promuovendo tre cose insieme, non capisco più un tubo. Non ho mai lavorato così tanto, sono affaticata”.

Ornella Vanoni si racconta

Ornella-Vanoni-Che-Tempo-Che-Fa

L’intervista con Fabio Fazio è poi continuata naturalmente ripercorrendo la strepitosa carriera artistica di Ornella Vanoni tra aneddoti e altri siparietti da applausi in studio:

“Un giorno ero molto triste, allora sono andata in Corso Garibaldi a Milano, mi siedo a un tavolo e ordino un gin tonic…“.

Nemmeno il tempo di finire la frase che Fazio prova a correggerla: “Cosa ordini?. In televisione si dice succo di frutta”. Ma Ornella non ci sta al gioco:

“Ma mica ho detto la marca del Gin. Che male c’è? Comunque, davanti a me c’era un tavolo di ragazze giovani e carine, allora mi sono avvicinata e ho detto loro: ‘Come va?’, quindi abbiamo iniziato a parlare d’amore”.

Infine una battuta sull’età che avanza e su Luciana Littizzetto.

“Io ritengo che invecchiare sia bello soltanto se tiri fuori quel lato che hai sempre tenuto nascosto, cioè quello infantile. Sto diventando più stupida della Littizzetto”.