Ciao Darwin, concorrente paralizzato: quattro dirigenti nei guai

Arianna Preciballe
Esperta di: Gossip, Moda e Design
22/03/2022

Durante una delle puntate di Ciao Darwin, quelle risalenti al 2019, Gabriele Marchetti rimase paralizzato dopo un incidente avvenuto nel corso del gioco del Genodrome. A distanza di tre anni la procura di Roma ha citato in giudizio quattro dirigenti delle società produttrici del programma. Saranno loro a dover pagare?

Ciao Darwin, concorrente paralizzato: quattro dirigenti nei guai

Nel 2019 Gabriele Marchetti, all’epoca 54enne, aveva preso parte alla trasmissione “Ciao Darwin”. Durante uno dei giochi simbolo del programma, però, l’uomo aveva avuto un incidente che lo aveva reso tetraplegico.

Tutto avvenne durante il gioco “Genodrome” ma la puntata incriminata non è mai andata in onda, proprio per tutelare il concorrente, e quindi il pubblico non ha mai assistito alla scena.

A distanza di anni, dopo una lunga battaglia legale messa su dai parenti dell’uomo ormai paralizzato, la Procura di Roma ha citato in giudizio quattro dirigenti delle società produttrici del programma: Sandro Costa e Massimo Porta (della società Rti, confluita in Mediaset), Massimiliano Martinelli (della Maxima) e Giuliano Giovannotti (della Sdl 2005, società di Sonia Bruganelli.

Furono loro ad occuparsi delle attrezzature e della selezione dei partecipanti e ora rischiano di dover pagare per quanto successo.

Ciao Darwin a rischio: il programma colpevole di…

Ciao Darwin, concorrente paralizzato: quattro dirigenti nei guai

Il tragico incidente che ha cambiato per sempre la vita di Gabriele Marchetti è avvenuto nel 2019, quando l’uomo stava gareggiando nel gioco di Ciao Darwin, il Genodrome.

Mentre saltava sui rulli, infatti, il concorrente scivolò, cadendo in maniera rovinosa nella vasca d’acqua sottostate; da allora ha perso la mobilità in ogni arto del corpo.

Mentre i legali della famiglia del 57enne sono ancora in trattativa con Rti (Reti televisive italiane, società confluita in Mediaset, nonché produttrice della trasmissione in onda su Canale 5) per quantificare l’entità del risarcimento danni, al banco degli imputati sono stati chiamati quattro dirigenti, con l’accusa di lesioni gravissime e violazione delle leggi inerenti la sicurezza sul lavoro.

Secondo la Procura, infatti, l’uomo avrebbe dovuto essere addestrato per partecipare al gioco mentre la location è stata considerata rischiosa.  Come finirà la storia? Che dopo tale tragedia anche Ciao Darwin rischi di non poter essere più mandato in onda?