Corona si confessa e rimpiange Belen

Silvia Tironi
  • Esperta in TV e Spettacolo
31/01/2019

Fabrizio Corona si confessa e rimpiange il grande amore della sua vita Belen e racconta il rapporto con il figlio Carlos

asia-corona-processo

Sono sempre stato una coppia esplosiva, Belen Rodriguez e Fabrizio Corona.
Sotto le lenzuola come a livello mediatico.

E se stessimo ancora insieme lo saremmo ancora adesso, a livello mediatico non ce n’è per nessuno

confessa il re del gossip in una intervista al settimanale Diva e donna. D’altra parte l’argentina è stato per lui un grande amore, un po’ come lo è stata la sua ex moglie e madre di suo figlio Carlos Maria, l’ex modella Nina Moric. E come tutti i grandi amori non si può dimenticare. Ma guai a definirla la sua ossessione: “Lei è un grande amore, una persona che rimarrà per sempre nella mia vita”, precisa Fabrizio.

Corona candidato in politica?

corona fabrizio non mi avete fatto niente

Che di Belen parla ampiamente anche nel suo libro-confessione “Non mi avete fatto niente”, edito da Mondadori Electa, che ha presentato la scorsa settimana ad amici, fan e giornalisti.
Per non passare inosservato, per l’occasione, Corona si era presentato nel locale della movida milanese scortato da un “esercito” di ragazzotti in felpa rossonera: “È il team Corona, sono giovani del mio movimento politico”, spiega. Già, per ha nel suo futuro Fabrizio vede la politica: “Mi candiderò a presidente del consiglio”, annuncia sulle colonne del settimanale di Cairo.

Fabrizio Corona e la sua vita al limite

corona-asia-argento-soldi

L’agente di paparazzi, che vive la vita a 200 all’ora, senza sosta, senza mai fermarsi, vive davvero, ogni giorno, sul filo del rasoio.
D’altra parte una vita qualunque lui non l’ha mai voluta. E non la vuole nemmeno ora, nonostante i guai giudiziari e il soggiorno nelle patrie galere: “Io sono uno che ogni volta scrive su un foglio quello che vuole e alla fine lo ottiene”. Quanto alla detenzione, ammette:

Il carcere mi ha cambiato, non sarò mai più sereno. Ma continuò a vivere a 200 all’ora, però con più maturità

ha precisato nell’intervista. Già, maturità. La maturità di chi non può pensare che su di lui si spengano le luci della ribalta:

Ho subito tanti arresti che non mi meritavo, hanno cercato di spegner le mie luci della ribalta, ma queste hanno continuato ad accendersi. E così in carcere ho continuato a lavorare e ad arricchirmi

Fabrizio Corona e i desideri del figlio Carlos

corona carlos fabrizio

Nel libro e nell’intervista Fabrizio trova spazio anche per parlare di suo figlio Carlos, di cui si rende conto di esser il faro, il punto di riferimento:

Quando ero in carcere mi veniva sempre a trovare e io gli parlavo della legge. È una cosa che lo appassiona molto

A Carlos, sottolinea Corona, “importa che suo padre ci sia. Sono sempre stato un suo punto di riferimento. Mi dice sempre che gli importa solo che io sia e che faccia quello che voglio. Non mi giudica mai”