Coronavirus Rai: come spiegare ai bambini perché stare a casa

19/03/2020

Mamma Rai cercherà di spiegare ai più piccini perchè la loro vita è cambiata da qualche settimana a questa parte. Una strischia quotidiana d’informazione per tutti…

carolina rai yo yyo

Si chiama “Diario di Casa” e ci terrà compagnia per molti pomeriggi ancora. Almeno fino a quando non terminerà l’emergenza coronavirus. Bisogna stare in casa, bisogna farlo per forza ma non sempre è facile spiegarlo ai propri figli, piccoli o grandi che siano.

La Rai scende in campo per spiegare il Coronavirus

unnamed

 

Tante le domande, difficili da capire le risposte. Perché dobbiamo stare a casa, perché le scuole sono chiuse, perché non possiamo più stare vicini, perché guanti e mascherine? Il coronavirus spiegato ai bambini, come fosse un gioco “del perché” diventa da domani (venerdì 20 marzo) una striscia quotidiana su Rai1 alle ore 14, su Rai Yoyo alle 16.10 e naturalmente su RaiPlay. Un appuntamento per i più piccoli ma anche per i genitori, per tutti quelli che hanno ancora qualche dubbio sull’emergenza che ci sta colpendo da un mese a questa parte ormai…


Leggi anche: Coronavirus, #iorestoacasa: cosa fare e non fare fino al 3 aprile

Due volti noti ai bambini in conduzione

Carolina-Benvenga

 

A condurla i due popolari conduttori di programmi Rai per ragazzi Armando Traverso e Carolina Benvenga, che si rivolgeranno ai più piccoli per aiutarli a capire cosa sta succedendo. Bambini e ragazzi trascorrono tutto il tempo a casa, con il rischio di ricevere informazioni non calibrate rispetto all’età.

Per questo “Diario di casa” avrà come ospiti pediatri, psicologi, educatori che, con un linguaggio adeguato ai più giovani, potrà rispondere ai dubbi e agli interrogativi, che i bambini potranno inviare al programma tramite i social di Rai Yoyo e Rai Gulp. Buona visione bambini…

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica