Cristiano Ronaldo positivo al Covid: asintomatico in isolamento

14/10/2020

Dopo Zlatan Ibrahimovic anche Cristiano Ronaldo si deve arrendere al Covid-19. L’attaccante della Juventus è risultato positivo al tampone effettuato con la sua Nazionale portoghese. CR7 è già in isolamento…

cristiano-ronaldo-parma-juventus-1-settembre-2018-6-1170×780

Dopo Zlatan Ibrahimovic tocca a Cristiano Ronaldo. La stella portoghese è positivo al Coronavirus. E’ asintomatico e per lui è già scattato l’isolamento come previsto dal protocollo sanitario. Una notizia che preoccupa i tifosi bianconeri L’attaccante della Juventus, che si trova nel ritiro del Portogallo in occasione delle gare di Nations League, è stato costretto a fermarsi dopo l’esito del secondo tampone.

“Cristiano Ronaldo – si legge nella nota ufficiale della federazione lusitana – è stato costretto ad abbandonare il ritiro della Nazionale dopo essere risultato positivo al Covid-19, quindi non farà parte della squadra che andrà in campo contro la Svezia. Il calciatore non ha sintomi e si trova attualmente in isolamento. In seguito al caso di positività di Ronaldo, la parte restante del gruppo squadra è stata sottoposta a ulteriori controlli, che hanno avuto tutti un esito negativo”.


Leggi anche: Cristiano Ronaldo: tampone negativo e ritorna a vincere

Nessun compagno di squadra di CR7 contagiato

ronaldo

Nessun compagno contagiato quindi, nonostante Cristiano Ronaldo, come documentato sul proprio profilo Instagram, abbia trascorso del tempo con tutti i suoi compagni di squadra.

La domanda che ora però tutti i tifosi della Juventus si fanno è per quanto tempo Cristiano Ronaldo dovrà restare in quarantena? Le regole in Italia sono da poco cambiare. Un caso positivo asintomatico deve trascorrere un periodo di isolamento di almeno 10 giorni a partire dal riscontro della positività.

Terminata la quarantena CR7 dovrà sottoporsi a un nuovo tampone Se l’esito dell’esame risulterà negativo il giocatore potrà tornare a giocare. Ma in Portogallo, dove adesso si trova il calciatore, le cose funzionano diversamente: non c’è un periodo prestabilito, è direttamente il medico, in questo caso della Nazionale, a decretare la fine dell’isolamento e può avvenire solo dopo esito negativo del test molecolare. Un test che non avverrà comunque prima di cinque giorni…

Ludovico Merlo
  • Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Esperto in: TV, Spettacolo e Gossip
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica