Detto fatto: Bianca Guaccero torna in tv con un po’ di paura

- 07/05/2020

Bianca Guaccero è pronta a riprendersi il posto nel dopo Tg2 con il suo Detto fatto. Ma prima di tornare ha voluto raccontare ai suoi follower la sua paura…bianca-guaccero-1


Detto fatto torna in tv: stesso posto e stessa ora. E sempre alla conduzione la esuberante Bianca Guaccero. Che un po’ di pensiero ce l’ha: questa volta non avrà la sua squadra a supportarla. Questa volta sarà tutta sola in studio, come stanno sperimentano un po’ tutti conduttori.

Bianca ha voglia di ricominciare per il suo pubblico, ma si sente sola. Accanto non avrà gli amici di sempre. E allora proprio a questi amici ha voluto rivolgersi con un bel post su Instagram, in cui non si dimentica di ringraziare tutti, ma proprio tutti quelli che le sono sempre stati vicini e quelli che hanno lottato e continuano a lottare per noi. Chi è in prima linea per noi e contro il Coronavirus.


Leggi anche: Detto Fatto: Bianca Guaccero rinnova e raddoppia

Bianca scrive alla sua squadra

B43D48DA-DBC3-4F68-A91E-9359D67112F6

“La nostra grande squadra… quel camerino che assiste ogni giorno allo show nello showmi mancherete ragazzi… Ma cercherò di fare al meglio anche il vostro lavoro. Da lunedì si ricomincia, farò tutto da sola perciò anche voi a casa siate clementi! 😅 trucco e parrucco per ora non ci saranno, avremo dei cambiamenti, ma saremo sempre noi! Ripartiamo e lo facciamo per tutto l’amore che ci dimostrate sempre anche in una situazione come questa. Ce la metterò tutta per strapparti qualche sorriso, ormai mi conoscete, non riesco ad essere diverso da così … 😉”, scrive Bianca alla sua squadra di lavoro.

23B602E3-502E-4AB0-A8B5-375E488274EE

Poi però ha un pensiero anche per chi sta combattendo una vera guerra, famiglie e medici in prima linea, a cui va il suo più sentito ringraziamento e affetto: “E intanto però, se mi permettete, il mio grazie più profondo va a tutte le persone che lavorano in ospedale e hanno visto in faccia la sofferenza vera. A quelle persone va tutta la mia riconoscenza, la nostra stima, perché non ci sono mai fermati, perché sono stati padri, madri, figli per quei malati che non hanno potuto nemmeno stringere la mano ai propri cari mentre erano ricoverati… Hanno rischiato la loro stessa vita e lo hanno fatto in silenzio. Grazie a tutti voi!”.

Commenti: Vedi tutto