Azzurre a Tokyo 2020

Diletta Leotta si complimenta con Elodie

06/03/2021

Diletta Leotta, nota presentatrice sportiva ed ex co-conduttrice di Sanremo, ha voluto complimentarsi pubblicamente con la star della seconda serata del Festival di Sanremo; Elodie ha conquistato il pubblico con la sua performance artistica e con il suo toccante monologo, uno scatto che ritrae la Leotta e la cantante romana ha fatto impazzire i social.

diletta-elodie-congratulazioni-630×415

Un anno di successi per Elodie, la cantante che nel giro di un anno, dopo la sua partecipazione al Festival di Sanremo 2020, è riuscita a raccogliere attorno a sé il consenso di tutti; da critici musicali a personaggi dello spettacolo, il “fenomeno Elodie” è diventato virale.

Co-conduttrice della seconda serata del 71esimo Festival, Elodie ha stregato tutti con la sua bellezza ed il suo talento, ma soprattutto con una profonda umiltà. Al giorno d’oggi, in una società che vede le donne ancora in guerra tra loro, anche quando si parla di successi, Diletta Leotta rompe con questa “usanza”.


Leggi anche: Elodie, curve da infarto: una sensualità esplosiva

“Fiera di te” il post di Diletta Leotta

Senza-titolo-1

Fiera di te“, un complimento che vale molto di più di una dichiarazione di stima, in un’epoca che fa incetta di parole, lanciate e svalutate. Diletta Leotta è stata la co-conduttrice della scorsa edizione che, nonostante le mille critiche ricevute, è riuscita a ricavarne ancor più visibilità.

La conduttrice sportiva, legata da poco tempo all’attore turco Can Yaman, ha voluto omaggiare una collega dello spettacolo per una performance che ha lasciato tutti di stucco; non si conoscono molti dettagli sul legame tra Diletta ed Elodie ma, molto probabilmente, si tratta di un rapporto di amicizia abbastanza intimo.

Un gesto che pare scontato ma che alza l’asticella del famoso “girl power” che troppe volte non parte direttamente dalle donne. Complimentarsi con una collega, altrettanto bella, è la dimostrazione che si può essere donne, colleghe, “rivali” ma anche e soprattutto fiere l’una dell’altra.

 

Vito Girelli
Suggerisci una modifica