Disincanto 3 disponibile in streaming

17/01/2021

Disincanto è una delle serie animate originali Netflix più amate del palinsesto. Dal 15 Gennaio sarà possibile vedere la terza parte della serie per capire in che modo Bean riuscirà a cavarsela anche questa volta!

disincanto

Disicanto è una delle serie animate, originali di Netflix, più riuscite degli ultimi tempi, tant’è che è arrivata alla terza stagione, o come le chiama Netflix, terza parte.

Ideata dalla geniale mente di Matt Groening, creatore dei Simpson e Futurama, questa serie è, insieme a Lupin e Cobra Kai, uno dei titoli che il pubblico stava aspettando con maggiore trepidazione.

Disincanto parte 3: trama

Bean On Throne FIN-400dpi (1)-kxyD-U43490618322327FBB-1224×916@Corriere-Web-Sezioni-593×443

Il primo episodio si apre con il classico riassunto prima di ogni serie, per rinfrescare la memoria dei telespettatori, per catapultarci direttamente nel mondo di Dreamland.

L’ultimo episodio della seconda stagione aveva rivelato la vera faccia della madre rediviva di Bean, in realtà la regina Dagmar è la padrona di una serie di strane creature negli abissi dell’inferno che ha tormentato le notti di Bean per tutto l’anno.


Leggi anche: Netflix 2020: le 10 serie più viste

In questa terza parte si scopriranno le vere intenzioni della madre di Bean, personaggio molto controverso, e il re di Dreamland avrà finalmente delle scene in cui prenderà in prima persona il timone dell’azione.

Momento che sconvolgerà i più puristi sarà il momento in cui Bean, la protagonista, proverà anche un po’ di amore saffico, un qualcosa che c’è da aspettarsi dalla mente satirica di Groening.

Riferimenti alla cultura popolare nella serie

Disincanto-1

Su questa serie, dato il nome del suo inventore, molti hanno avanzato enormi pretese, non apprezzandone il risultato finale. I Simpson sono sicuramente un grande nome nell’animazione satirica di tutti i tempi, ma questo non significa che tutto ciò che produca Groening debba assomigliargli.

In disincanto vi sono numerosi riferimenti alla cultura pop di questi anni, come ad esempio lo striscione sul castello di Dreamland “Make dreamland great again“, “sfottò” riferito alla rovinosa caduta di Donald Trump. Il senso dell’umorismo molto piccante dei Simpson è più appiattito in questa serie, per far spazio alla componente avventurosa che si dirama in narrazioni verticali dei tre personaggi principali: Bean, Luci ed Elfo.

Un particolare che gli amanti del cinema d’epoca hanno apprezzato particolarmente è il riferimento al primo lungometraggio nella storia del cinema: il panorama di Steamland, città che scopriremo in questa parte, ricorda tantissimo Metropolis di Fritz Lang, del 1927.


Potrebbe interessarti: Dawson’s Creek torna su Netflix: trama, cast e date

Una serie leggera, con diversi momenti comici e tanta avventura è pronta per essere assaporata, dalla durata di venti minuti circa ciascuna. è un ottimo modo per riempire momenti vuoti che non potreste colmare con un episodio standard di 45-60 minuti di altre serie!

 

Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter