Divin Codino: data di uscita e trailer

09/03/2021

“Divin Codino” è il docu-film in onore di uno dei più grandi artisti del calcio: Roberto Baggio; con la regia di Letizia Lamartire, già regista della serie “Baby”, la produzione del film è completa e adesso i fan attendono solamente la distribuzione. “Un campione che ha ispirato tutto il mondo, non solo quello del calcio”.

Baggio-divin-codino

Netflix continua a puntare anche su docu-film ispirati alla vita di grandi personaggi; il prossimo lungometraggio dedicato ad una star del calcio italiano e mondiale, intitolato “Divin Codino”, è in uscita sul catalogo italiano.

Diretto da un volto noto grazie alla serie “Baby”, Letizia Lamrtire si è espressa in maniera molto entusiasta su questa produzione:

“È la storia di un uomo umile con un talento smisurato che con le sue giocate ha cambiato il calcio italiano. Racconteremo anche il percorso di una persona che attraverso le sofferenze personali ha raggiunto grandi trionfi in campo”.


Leggi anche: Ciao Darwin 8, anticipazioni puntata 2 maggio: Juventus e Madre Natura

Quando esce “Divin codino” su Netflix?

Bggio-divin-codino

Roberto Baggio, storico attaccante dell’Inter, è stato uno dei calciatori che più ha infiammato i cuori degli italiani; ritenuto uno dei giocatori più forti della storia a livello mondiale, venne soprannominato anche “Raffaello” per la sua eleganza tecnica in campo.

Insignito nel 1991 del prestigioso titolo di Cavaliere Ordine al merito della Repubblica italiana, Baggio è ad oggi un personaggio molto popolare anche all’estero, grazie alle numerose partecipazioni a spot pubblicitari di marchi internazionali.

Ha preso parte a ben tre mondiali, Italia nel 1990, Stati Uniti nel 1994 e Francia nel 1998; il suo personaggio diventò tristemente popolare per aver sbagliato un rigore decisivo nel 1994 contro il Brasile, il famoso mondiale soffiato per un pelo, riconquistato poi nel 2006.

Questo docu-film verrà distribuito in Italia il 26 Maggio 2021, ma è prevista anche una distribuzione in paesi dove la “fede calcistica” è molto importante come Spagna, Brasile e Portogallo.

“È la storia di un uomo umile con un talento smisurato che con le sue giocate ha cambiato il calcio italiano. Racconteremo anche il percorso di una persona che attraverso le sofferenze personali ha raggiunto grandi trionfi in campo”.

Vito Girelli
Suggerisci una modifica