Domenica In: Conti intervista Mara Venier “Non ho rimpianti”

- 18/10/2020

Mara Venier si confessa in una intervista a cuore aperto a Domenica In, dove da conduttrice è diventata ospite d’onore di Carlo Conti..

foto-carlo-conti-mara-venier-min-1280×720


Domenica In del 18 ottobre 2020 si apre con una lunga intervista di Mara Venier, che da padrona di casa si trasforma in ospite. Al suo posto, nella prima puntata del programma, Carlo Conti, che ha condotto l’intervista alla conduttrice.

Mara fa da “tappabuchi”

Ma perché Mara viene intervistata? Lo svela lei stessa in una gag a inizio puntata: “Doveva venire Francesco Totti, che poi non se l’è sentita per la perdita improvvisa, avvenuta nei giorni scorsi, del suo papà, poi Ezio Greggio“, che è stato però bloccato dal fatto di essere stato in contatto con Antonio Ricci, Patron di Striscia la notizia. “Ho chiamato Antonella Clerici ma mi ha detto che faremo un collegamento dopo”, ha raccontato la conduttrice, che ha chiosato, sorridendo: “Insomma, alla fine è stato deciso che l’ospite sono io”.


Leggi anche: Domenica In, Mara Venier intervista shock a Stefano De Martino

Si parte dal suo compleanno: Mara compirà 70 anni il prossimo martedì 20 ottobre 2020.”Ma me ne sento 30″, spiega zia Mara all’amico Carlo Conti, “ho vissuto in modo totalmente libero, all’insegna della libertà, non ho nessun tipo di rimpianto perché ho sempre seguito il mio cuore, nel bene e nel male. Ho vissuto a piene mani e a settant’anni è chiaro che devo fare un bilancio: non faccio nulla per nascondere l’età, non faccio interventi, sono quella che sono”.

Mara e il ricordo dei suoi genitori

mara-venier-meravigliosa-in-costume-con-il-nipote-mara-venier-san-valentino-getty-1217

Mara è un fiume in piena, parla, racconta, sorride, si commuove. Ricorda il suo papà e la sua mamma: “Assomiglio molto come carattere il mio papà, sto bene con gli amici, solo una compagnone; gran parte di quello che prendeva come stipendio da ferroviere se lo spendeva alla ‘barchetta’ dove suonava la fisarmonica circondato dai ferrovieri che cantavano e lui offriva a tutti da bere. Da mamma, invece, ho preso il rigore, lei era quella rigida in famiglia”.

Mara guarda le immagini che vengono trasmesse, si commuove, dice che non si sarebbe mai immaginata di diventare un personaggio popolare. “A otto anni andavo a fare la parrucchiera il pomeriggio. Avrei voluto fare la parrucchiera o avere una profumeria. Mai avrei immaginato che sarei diventata l’orgoglio della mia mamma. Papà non ho fatto in tempo a vedermi. È mancato troppo presto, aveva solo 59 anni. A sei anni volevo diventare suora, poi crescendo… sono diventata il capo branco dei figli dei ferrovieri, ero un maschiaccio. Quando mia mamma ha saputo da me che avevo vinto il primo premio di catechismo, non ci ha creduto e non è andata ritirare il premio”, racconta ancora a Carlo Conti.


Potrebbe interessarti: Domenica In, Mara Venier compie gli anni: intervistata da Carlo Conti

Commenti: Vedi tutto