È sempre mezzogiorno: Chloe Facchini torna da Antonella Clerici

Ieri è stata la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. Ospite della puntata di ieri di È sempre mezzogiorno la cuoca transgender Chloe Facchini.

chloe

Il 17 maggio è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, che ha luogo dal 2004.

Il giorno scelto non è assolutamente casuale: il 17 maggio del 1990 ci fu la decisione da parte dell’Oms di rimuovere definitivamente l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale delle malattie.

Ieri, in un giorno tanto importante, lo studio di È sempre mezzogiorno ha visto il ritorno di Chloe Facchini. Ritorno perché Chloe Facchini era già stata ospite di Antonella Clerici, ma come Riccardo Facchini.

Durante La prova del cuoco la chef era stata più volte ospite, ma in un corpo che non le apparteneva.


Leggi anche: Antonella Clerici: La Prova del Cuoco cancellata

La scelta di tornare in televisione in un giorno tanto simbolico come quello di ieri, ha sicuramente decorato lo studio di È sempre mezzogiorno con un magnifico arcobaleno.

Chloe Facchini: da poco il coming out, ora torna a cucinare in tv

chll

Chloe Facchini non è apparsa in televisione per un anno e mezzo. Il suo ritorno è stato pieno di significato e un momento per raccontare la sua storia e sensibilizzare riguardo temi ancora molto delicati.

La chef si è infatti raccontata alla Clerici. Ha raccontato la sua storia, le sue difficoltà ma anche le sue gioie, ora che è chi sente da sempre di voler essere.

Il grande ritorno sul piccolo schermo è appunto avvenuto in maniera molto significativa. Non solo per l’evento in sé, ma anche per la data simbolica.

Un evento, poi, indubbiamente coraggioso: una donna transgender che poco dopo aver fatto coming out decide di tornare dov’è sempre stata bene ma con i riflettori puntati.

Chloe Facchini fa capire con buonissime parole che la transizione non cambia assolutamente nulla di chi è lei a livello professionale, ma che cambia tutto per lei come essere umano in quanto ha sempre sentito di essere donna:

Fare una transizione non significa cambiare vita: ero chef prima, sono chef adesso. Io soffrivo di disforia di genere e sin da piccola mi sono sentita una bambina.


Potrebbe interessarti: Antonella Clerici e Massimo Giletti: “Ecco perché l’ho lasciata”

Antonella Clerici: bellissime parole d’amore a È sempre mezzogiorno 

hihi

La chef Chloe Facchini cucinava succulenti piatti durante la puntata di ieri a È sempre mezzogiorno e intanto raccontava ad Antonella Clerici il suo percorso di vita e di transizione, mostrando la sua intima sofferenza e le continue sfide quotidiane:

Immagina cosa significa crescere con delle etichette: io ho vissuto come gay per 39 anni della mia vita ma io mi sentivo una donna. Poi ho fatto chiarezza, ho intrapreso un percorso psicologico e ho capito di essere una donna.

La Clerici ha captato le parole della chef vivendole con empatia e ha voluto sottolineare quanto veda Chloe Facchini lucente, ora che è davvero se stessa:

Avevi un tormento d dentro di te e sono contenta che tu stia bene. Oggi ti vedo molto più serena rispetto a prima.

La Clerici ha poi continuato a parlare con Chloe Facchini, per poi lanciare un importante messaggio d’amore universale:

(..) dobbiamo aiutare i nostri figli a essere come realmente sono, qualunque sia la loro natura: è una natura che deve uscire per renderli felici. Perché alla fine, ciò che vogliamo è che i nostri figli siano felici.