Fedez: dito medio al Codacons

- 02/11/2020

Dito medio di Fedez al Codacons che chiede 250mila euro e “vieta” il premio

Chissà quando finirà la ”guerra” tra Fedez ed il Codacons a colpi di querele, ricorsi, risarcimenti e “gestacci”, naturalmente quelli di Fedez nei confronti dell’associazione del consumatori

fedez codacons


Il rapper alla richiesta di pagamento di oltre 250mila euro del Codacons aveva risposto con una foto con il dito medio alzato e l’associazione si vendica con una diffida al Comune contro Fedez

Dito medio di Fedez per i 250mila del Codacons

fedez codacons2

Nuovo botta e risposta tra Fedez e il Codacons. Un nuovo capitolo si aggiunge alla guerra che si è scatenata tra l’associazione dei consumatori e il rapper. Il cantante aveva mostrato nelle stories su Instagram la richiesta di un pagamento superiore a 250mila euro da parte dell’Associazione dei Consumatori e aveva risposto postando un dito medio. La replica del Codacons non si è fatta attendere e come contro risposta ecco l’invio di una diffida al sindaco di Milano.


Leggi anche: Chiara Ferragni esplode: Leone replica il dito

Fedez, diffida del Codacons al sindaco di Milano

fedez e chiara mascherina

Il Codacons si è vendicato. E per tutta risposta al gesto di Fedez ha inviato una lettera/diffida al sindaco Sala avvertendolo di non assegnare l’Ambrogino d’oro ai Ferragnez altrimenti sarà pronto subito il ricorso al Tar.  I Ferragnez, infatti, sono stati candidati al premio da alcuni consiglieri comunali.

Se l’Ambrogino d’oro sarà assegnato ai Ferragnez o ad altri soggetti che rappresentano modelli diseducativi per i giovani, il Codacons presenterà ricorso al Tar. E per la prima volta, il riconoscimento conferito dal Comune di Milano finirà dinanzi alla giustizia. In nessun caso  l’Ambrogino d’oro potrà essere assegnato a soggetti che si sono distinti per messaggi sbagliati e diseducativi diretti ai giovani. O che addirittura come nel caso dei Ferragnez sono stati coinvolti in provvedimenti dell’Antitrust per le raccolte fondi avviate con modalità ingannevoli. Ciò equivarrebbe infatti a premiare forme di illegalità riconosciute da una autorità indipendente, e rappresenterebbe un precedente pericolosissimo in Italia.

Condacons: “Fedez un teppista del Bronx”

fedez mascherina3

Il Codacons, come spiega Leggo,  poi non ha lasciato correre il gesto di Fedez, il dito medio pubblicato in risposta  alla richiesta di risarcimento di oltre 250mila euro

Senza contare  le ultime bravate di Fedez che, solo poche ore fa, ha pubblicato una storia su Instagram dove, per l’ennesima volta, si abbandona ad insulti e gesti volgari contro il Codacons, al pari di un qualsiasi teppista del Bronx’, incentivando così la pericolosa piaga dell’odio e della violenza su web e social network. Per tale motivo il Codacons ha scritto al sindaco Giuseppe Sala e a tutti i consiglieri comunali di Milano.


Potrebbe interessarti: Ferragnez: il primo gestaccio di Leone, ma…

Certo il Codacons  pensa che Fedez sia come un teppista del Bronx, mentre il premier Conte si fida così tanto dei Ferragnez e, quindi, ha una ottima opinione di loro, che telefona al rapper chiedendo aiuto a lui e alla consorte, Chiara Ferragni, per convincere gli italiani e, soprattutto i giovani, a indossare la mascherina. Qualcosa ci sfugge

Commenti: Vedi tutto