Flavio Briatore: chi ha comprato il suo super yacht?

Il nuovo proprietario del Force Blu,  il mega yacht di sequestrato a Briatore e messo all’asta il 31 dicembre scorso dalla Corte d’Appello di Genova, tra mille polemiche, è una vecchia conoscenza del patron del Billionaire, che se lo è aggiudicato ad un prezzo irrisorio rispetto al suo valore.

briatore yatch

Insomma un affarone: il Blue Forse è costato “solo”, per modo di dire, 7 milioni e 490mila euro, con base d’asta fissata a 7 milioni, ma il valore stimato del natante sul mercato era, al momento del sequestro, di circa 20 milioni, quasi tre volte di più. E c’è chi scuote un po’ la testa e pensa che sia stato un… aiutino

Briatore, il Blue Force comprato dal suo amico, Ecclestone

briatore ecclestone


Leggi anche: Briatore, accusato di evasione fiscale: lo yacht finisce all’asta

briatore yatch all’astaJPG

L’esito di questa attesa asta giudiziaria si è rivelata quanto di più paradossale potesse avvenire. Ad aggiudicarsi il Force Blue, è stato l’ex patron del circus della F1, Bernie Ecclestone, grande conoscitore del mondo dei motori, al pari di Flavio Briatore. Il lussuoso yacht era stato sequestrato a Briatore, nel 2010 durante un’indagine per evasione fiscale da 3,6 milioni di euro sull’Iva all’importazione.

Lo yacht confiscato al manager era finito all’asta, ed ora è di proprietà di Ecclestone, per anni a fianco di Briatore e suo socio d’affari. Ma c’è chi non ci vede chiaro. Libero Quotidiano, scrive che “il sospetto di Dagospia è che ‘il sacrificio’ di Ecclestone sia stato un altro aiutino all’amico”.  Fatto sta che il prezzo di mercato dell’imbarcazione sarebbe stato di 20 milioni di euro, ma il prezzo d’asta era di 7 milioni di euro ed Ecclestone se l’è aggiudicata per 7,490 milioni di euro

Briatore, aveva cercato inutilmente di bloccare l’asta

briatore yatch 3JPG

Tra istanze e ricorsi urgenti, Briatore, come spiega Libero Quotidiano, aveva cercato in ogni modo di bloccare l’asta offrendo anche di tirare fuori i soldi per coprire i costi per il rimessaggio dello yacht, ma secondo i giudici, il rischio di degrado (e dunque perdita di valore) dell’imbarcazione sarebbe stato troppo alto, visto il mancato utilizzo legato al Covid.

La protesta di Briatore era legata al fatto che la giustizia fosse andata avanti con due velocità. Come aveva spiegato il patron del Billionaire sarebbe bastato attendere 15 giorni dopo la data fissata per l’asta, per capire se la sentenza di Cassazione, avrebbe annullato o meno l’asta stessa del natante


Potrebbe interessarti: Domenica Live: Taylor Mega vuole 1 milione al mese per vivere

Francesca Petruccioli
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria, elenco Professionisti
  • Esperta in: Gossip, Tv e Vip
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter