Gf Vip 6: Carmen Russo in lacrime

20/09/2021

Cominciano a farsi sentire i primi segni di cedimento all’interno della casa del Grande Fratello. Carmen Russo si confida con le sorelle Salassié riguardo la figlia: “Voglio che se la sappia cavare senza di me”. 

Carmen-Russo-lacrime

Dopo Ainett, tocca a Carmen Russo. La mancanza dei propri piccoli comincia  a farsi sentire all’interno della casa del Grande Fratello Vip. La storica ballerina si commuove pensando e parlando della propria bambina, Maria,  avuta dal suo compagno di una vita Enzo Paolo Turchi. Una gioia, quella della maternità, arrivata all’età di 53 anni. La ballerina si lascia andare a confidenze molto intime con le sorelle Clarissa e Lulù Salassié con cui ha nelle scorse ore ha condiviso  un momento di relax  all’interno della casa:

Con Maria sono un po’ severa perché voglio che se la sappia cavare nel mondo, quando io non ci sarò più.


Leggi anche: Grande Fratello VIP: i primi 8 nomi ufficiali, anche Diego Abatantuono?

Rivelazioni che lasciano spazio alle lacrime per la showgirl 53enne da  anni legata al ballerino e coreografo napoletano Enzo Paolo Turchi. Confidenze che trovano conforto e comprensione da parte delle sorelle Salassié:

Assomigli a nostra madre. Ci dice sempre di essere furbe, per non farci calpestare. Si preoccupa per quando non ci sarà più.

La storia tra Carmen e Enzo

carmen-russo-enzo-paolo-turchi

La coppia formata da Carmen Russo e Enzo Paolo Turchi è una tra le coppie più longeve dello spettacolo. La ballerina e attrice, nata a Genova 61 anni fa, ha conosciuto l’uomo che sarebbe diventato l’amore della sua vita nel 1982, a teatro.

Per tantissimi anni Carmen Russo e il suo compagno Enzo Paolo hanno desiderato l’arrivo di un bambino. Un sogno che è stato coronato nel 2013 con l’arrivo della piccola Maria, che è venuta al mondo grazie alla fecondazione assistita. Un dono che ha contribuito a rafforzare ancora di più l’amore della coppia che nel 2015, ha voluto sposarsi nuovamente per fortificare la promessa d’amore che li lega.