GF Vip 6, le accuse del Codacons: “Tutto studiato a tavolino”

10/11/2021

L’ultima puntata del Grande Fratello Vip è andata in onda solo lunedì sera ma, come sempre, il reality ha fatto discutere il pubblico. A scagliarsi contro il programma di Alfonso Signorini, però, in queste ore è stato il Codacons!

grande-fratello-vip-richiesta-a-signorini-min

Negli ultimi anni ci siamo abituati a sentire parlare di Codacons soprattutto in merito a Fedez, che è uno dei “bersagli” preferiti dell’associazione che difende e tutela i diritti dei consumatori.

Stavolta, però, il Codacons se l’è presa con il Grande Fratello Vip, accusando il programma di essere studiato a tavolino e, quindi, recitato. Ecco le parole rivolte all’amato programma di Canale 5.

GF Vip attaccato dal Codancons

Alfonso-Signorini

Il Codacons, l’associazione che difende e tutela i diritti dei consumatori, dopo l’ultima puntata del Grande Fratello Vip ha deciso di scagliarsi contro il reality di Canale 5.


Leggi anche: Fedez canterà a Sanremo: Codacons condannato

Attraverso le pagine della rivista Nuovo Tv, infatti, il presidente e fondatore dell’associazione ha accusato il programma di essere “pieno delle solite schifezze e scenette trash”.

“L’edizione di quest’anno è decadente”,

ha continuato l’uomo, secondo cui il reality sarebbe un teatrino in mano agli autori, che muovo come meglio credono i fili dei concorrenti. Secondo Carlo Rienzi, insomma, tutto ciò sarebbe una presa in giro per i telespettatori che credono nella veridicità delle dinamiche in atto.

Per il GF Vip, però, questa non è la prima polemica sollevata. Spesso scivoloni, frasi o gaffe dei concorrenti di quest’anno (ma lo stesso è successo negli anni passati) hanno fatto davvero discutere, soprattutto per il modo in cui sono stati (o non sono stati) gestiti.

Gran parte del pubblico stesso trova che in questa sesta edizione, poi, le cose siano peggiore a causa dell’immunità che i concorrenti possono dare al loro preferito, proprio come quella che le opinioniste possono regalare a chi vogliono.  

Come risponderanno Signorini e gli altri autori a questa serie di critiche?

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica