GF Vip 6: Manuel Bortuzzo, interviene l’ex

Ieri sera, l’ex di Manuel Bortuzzo ha letto la lettera dedicata al nuotatore, inconsapevole della sorpresa fino al momento prima. Le parole della ragazza, Federica, hanno subito fatto intendere quanto lei e Manuel siano – a prescindere da tutto – legati da un sentimento di grande stima e condivisione.

039D6532-0C08-4F73-96A1-C8F8CFD42375

Manuel Bortuzzo è uno dei concorrenti più amati della sesta edizione del GF Vip. Classe 1999, l’atleta ha una storia di vita molto intensa alle spalle, che ha indubbiamente segnato la sua personalità. Ragazzo dal cuore buono e con tanta tenacia, Manuel  si è trovato molto bene a parlare con la principessa Lucrezia. Quest’ultima è spesso vicino al nuotatore, affettuosa con lui e sempre pronta ad ascoltarlo – e anche un po’ curiosa -.

Tanto che, qualche giorno fa Lulù ha chiesto all’inquilino alcuni dettagli relativi alle sue storie passate; Manuel Bortuzzo, sentendosi a suo agio, ha allora ricordato l’ex, spiegando all’interlocutrice perché tra loro non ha funzionato. Proprio ieri sera, la sorpresa riservata a Manuel riguardava proprio l’ex ragazza, Federica.


Leggi anche: GF Vip 6: Manuel Bortuzzo nuovo concorrente?

La lettera a Manuel da parte dell’ex

Manuel Bortuzzo-3-7

Manuel Bortuzzo, nel 2019 è restato ferito in una sparatoria… poco prima – come ha spiegato lui stesso – aveva conosciuto l’ex, la quale ieri ha sorpreso il concorrente del GF Vip 6 con una bella lettera.

I due sono stati insieme in un momento molto difficile della vita di Manuel e anche per questo motivo hanno un legame particolare.

Nella lettera, infatti, Federica si rivolge con tono amorevole e pieno di stima, facendo intendere quanto ancora i due siano legati…cosa che sembra avere forse un po’ infastidito Lulù, molto attaccata a Manuel.  Fin “troppo” attaccata, a quanto pare, visto che prima della lettera Alfonso Signorini e l’atleta hanno proprio parlato del modo diverso in cui Manuel e Lulù vivono i propri spazi.

Il nuotatore ha infatti gentilmente chiarito che ha bisogno dei suoi spazi, che reputa sacri. Questo non vuol dire assolutamente cattiveria o menefreghismo. Semplicemente, c’è bisogno anche di stare un po’ con sé. E come dargli torto?