GF Vip 6: svelato il nuovo regolamento

06/09/2021

Il GF Vip sta per ripartire: manca solo una settimana e tutti i concorrenti, che ormai sono stati svelati e ufficializzati da Alfonso Signorini, prenderanno parte al reality. Il conduttore, però, ha spiegato che ci saranno delle novità per quello che riguarda squalifiche e regolamento: le punizioni saranno meno severe? 

alfonso-signorini-dramma-grande-fratello

Dopo l’ufficialità di tutti i concorrenti che parteciperanno al Grande Fratello Vip 6, è tempo di capire quali sono le novità che è necessario aspettarsi quest’anno. Dopo il successo della scorsa edizione, infatti, Alfonso Signorini è pronto a replicare, garantendo che sarà disponibile una diretta di 24 ore su 24 su Mediaset Extra per seguire tutte le mosse dei concorrenti nella casa.

Ci sarà però un’altra novità importante, inserita proprio per cercare di porre rimedio a quanto avvenuto lo scorso anno. Dopo le tante squalifiche, Alfonso Signorini ha confessato che si è palesata la necessità di essere “più elastici” a proposito dei provvedimenti disciplinari: il conduttore, infatti, ha spiegato che lo scorso anno in certi casi ci sono state delle squalifiche forse esagerate.


Leggi anche: Grande Fratello Vip: svelati i motivi della smentita di Can Yaman

GF Vip 6: ci saranno meno squalifiche?

alfonso-signorini

Come spiegato da Alfonso Signorini, in questa edizione non verrà considerata solo la parola pronunciata dal concorrente ma anche il contesto in cui è stata detta e con qualche intento:

“Mi è piaciuto poco il fatto di essere censori di qualche comportamento, mi è sembrato anacronistico. Ora in ogni caso sarà valutato in base al principio che non è la parola che offende, ma l’intenzione. Non significa “liberi tutti”, ma se una parola nel contesto non è offensiva, non va stigmatizzata”.

Sarà sempre bene evitare un certo tipo di espressioni, ma la novità importante rispetto allo scorso anno, dove ci sono state ben cinque squalifiche, quella di Fausto Leali, Alda D’Eusanio, Stefano Bettarini, Filippo Nardi e Denis Dosio, è che le parole non verranno punite a prescindere.

“Le bestemmie, però, saranno sempre punite”, ha specificato Alfonso Signorini, affermando che questo rientra tra i casi dove non si può essere comprensivi.

Ilaria Bucataio
Suggerisci una modifica