GF Vip: Alda D’Eusanio squalificata?

01/02/2021

Alda D’Eusanio potrebbe essere già squalificata a causa di una frase razzista pronunciata dopo meno di una settimana dal suo ingresso nella casa; all’inizio di questa interminabile edizione Fausto Leali è stato squalificato per lo stesso motivo, la storica conduttrice potrebbe subire lo stesso trattamento.

117354-ppl

Alda D’Eusanio, storica conduttrice e giornalista italiana, potrebbe essere squalificata dal GF Vip a causa di una frase razzista pronunciata dopo pochissimi giorni dal suo ingresso.

In occasione della cena a tema persiano la donna avrebbe esclamato “ vedi in giro qualche n****o?” con un Tommaso Zorzi che ha cercato di glissare il momento gelido, senza riuscirci.

Un accaduto simile ha coinvolto il cantante Fausto Leali che, oltre ad essere linciato a livello mediatico, è stato squalificato dal GF Vip; personaggi importanti del mondo dello spettacolo hanno espresso il loro forte dissenso per le esternazioni.

Il basso livello del Grande Fratello Vip

Grande-Fratello-VIP


Leggi anche: Alda Merini: chi era la più grande poetessa italiana

Quest’anno il programma condotto da Alfonso Signorini ha regalato dei momenti di bassissimo livello televisivo; dalle esternazioni razziste di Leali a quelle della D’eusanio.

Liti inutili, offese tra i concorrenti e momenti di odio immotivati, questo Grande Fratello Vip ha suscitato situazioni di forte criticismo  anche da parte di altri personaggi pubblici:

La madre di Francesco Oppini, Alba Parietti è stata molto critica:

“Grazie Alda per tutti i consigli preziosi… qualcuno riservalo a te. Un bacio dalla sessantenne. L’alicetta augura una buona serata… la faccia di Zorzi che capisce tutto al volo. Cotta e magnata si spara subito una bella cazzata“.

Sui social la bufera imperversa, tutti vogliono che la concorrente venga eliminata, non c’è modo di poter salvare la reputazione della giornalista; come rovinare una carriera in pochi secondi.

Difficile pensare ad un finale diverso per la D’eusanio e, difficilmente si potrebbe pensare eticamente a qualcosa di più adatto.

Vito Girelli
Suggerisci una modifica