GF Vip, ex concorrente arrestato: rissa e aggressione ai Carabinieri

Arianna Preciballe
  • Laureata presso il NID - Nuovo Istituto Design
19/11/2022

Enock Barwuah, fratello di Mario Balotelli, è stato arrestato in seguito ad una rissa a Bagnolo e all’aggressione dei Carabinieri. Ma cosa era successo all’ex gieffino? E come si è giustificato? Scopriamone insieme di più!

GF Vip, ex concorrente arrestato: rissa e aggressione ai Carabinieri

Enock Barwuah è un calciatore noto soprattutto per essere il fratello di Mario Balotelli. Il ragazzo, inoltre, qualche tempo fa si è fatto conoscere dal pubblico per la sua partecipazione al Grande Fratello Vip ma, purtroppo, la sua avventura non è stata lunga come sperato!

Qualche tempo fa, invece, il calciatore aveva davvero fatto parlare di sé per via di un particolare episodio che aveva portato al suo arresto.

Enock Balotelli: arrestado dopo la rissa

GF Vip, ex concorrente arrestato: rissa e aggressione ai Carabinieri

Tutto aveva avuto inizio la notte tra il 22 e il 23 dicembre 2012. Enock, allora 19enne, era stato arrestato per un’aggressione a tre carabinieri, che avevano riportato ferite giudicabili guaribili in 15 giorni.

In un locale di Bagnolo Mella, mentre il giovane era con amici e la sorella Abigail, le Forze dell’Ordine erano intervenute dopo essere state chiamate a sedare una rissa scoppiata proprio nel locale. Al loro arrivo, però, il fratello di Super Mario si sarebbe fatto trovare scalzo e a torso nudo, per poi scagliarsi contro di loro. Il ragazzo aveva persino preso a calci e pugni l’auto dei Carabinieri.

Successivamente, poi, il giovane aveva raccontato di essere stato aggredito mentre era con gli amici da un altro cliente, che gli avrebbe tolto le scarpe, cercando di spiegare che la sua non voleva essere un’aggressione nei confronti dei carabinieri.

Mi sono trovato in difficoltà per colpa di altri. Poi ho compiuto una ingenuità. Ma non avevo bevuto.

avrebbe detto il ragazzo a Guido Pagliuca, tecnico del Bogliasco, squadra di serie D dove il ragazzo militava da circa un mese. L’uomo aveva sottolineato che nei confronti del calciatore non sarebbe stato preso nessun provvedimento disciplinare.

Aspettiamo di conoscere bene i fatti, poi decideremo. Ma non credo che venga punito.

aveva detto sapere il tecnico, che si era detto molto sorpreso dall’accaduto, visto che Enock si sarebbe sempre dimostrato “eccezionale, educato, rispettoso verso tutti, compagni e dirigenti.”

Quando l’ho sentito era dispiaciuto ma ha specificato che si è trovato nei guai per colpe altrui.

aveva detto Pagliuca. Alla fine il ragazzo, come riporta il sito iGossip.it, avrebbe solo scontato qualche periodo ai domiciliari. Enock, poi, avrebbe anche risarcito due dei carabinieri con 600 euro ciascuno; mentre a quello che aveva ricevuto una prognosi di 25 giorni aveva dovuto dare ben 2000 euro. A tali spese, inoltre, aveva dovuto aggiungere 250 euro per l’auto danneggiata!