GF Vip, l’Incorvaia squalificata: frasi imperdonabili sul coinquilino

Arianna Preciballe
  • Laureata presso il NID - Nuovo Istituto Design
05/11/2022

Di recente si è parlato molto di Micol Incorvaia, entrata nella Casa secondo qualcuno per “riprendersi” Edoardo Donnamaria, suo ex. I fan della ragazza, però, sperano che le cose per lei vadano meglio che per la sorella Clizia, che nel 2020 era stata qualificata dal programma per alcune frasi sul pentito Tommaso Buscetta.

GF Vip, l’Incorvaia squalificata: frasi imperdonabili sul coinquilino

La quattordicesima puntata della quarta edizione del Grande Fratello Vip aveva portato alla squalifica di Clizia Incorvaia. La ragazza, infatti, era stata punita dal programma per via di alcune parole riservate al coinquilino Andrea Denver.

Le sue esternazioni avevano davvero offeso il pubblico, che subito aveva chiesto provvedimenti; così Signorini e il resto degli autori avevano deciso di eliminare la ragazza.

Ma cosa era successo?

GF Vip: cacciata dopo le parole sulla mafia

GF Vip, l’Incorvaia squalificata: frasi imperdonabili sul coinquilino

Tu sei pentito, un Buscetta e io non parlo con i Buscetta. Io non parlo con i pentiti.

aveva urlato Clizia Incorvaia nel 2020, sfogandosi contro Andrea Denver “colpevole” di averla nominata a tradimento.

Le parole dell’influencer, però, non erano piaciute né al pubblico né alla redazione del programma e, infatti, nella puntata successiva il televoto era stato sospeso e la giovane era stata qualificata.

Di fronte alle immagini incriminate la ragazza era scoppiata a piangere e aveva accettato la sua sorte.

Voglio andare fuori, non so come mi sia venuta questa cosa, i miei amici hanno perso i loro familiari, questa cosa l’ho vissuta sulla mia pelle, l’ho toccata con mano. Io voglio andare fuori proprio perché ho un discreto background culturale.

aveva spiegato la donna, scusandosi con tutti per la sua “caduta di stile”. Ma chi è Buscetta? Si tratta di un mafioso affiliato a Cosa Nostra che, dopo essere stata arrestato in Brasile, aveva accetta di collaborare con la giustizia, divenendo uno dei primi pentiti di mafia della storia.

Fu la chiave per le indagini sulla morte di Giovanni Falcone ma, ovviamente, fu sempre esposto a grandi rischi e costretto a vivere dall’altra parte del mondo e spostarsi di continuo con la sua famiglia.

Le frasi di Clizia, per cui la donna si era ampiamente scusata, sembravano quindi attaccare il concetto di pentito mafioso.