GF Vip: Malgioglio e De Grenet contro Maria Teresa Ruta e la sua scelta

Entrambi i concorrenti del Grande Fratello Vip hanno criticato aspramente Mary T: hanno puntato il dito contro di lei, sia per aver raccontato cose spiacevoli dell’ex marito, che per aver abbandonato i suoi figli.

Schermata 2020-12-13 alle 22.04.41

La neo arrivata si è subito schierata dalla parte della Orlando e, invece, ha iniziato subito a prendersela con la Ruta. Anche Malgioglio  ha criticato Maria Teresa: e nonostante le spiegazioni di lei, il paroliere  non ha indietreggiato di un passo.

Le critiche della De Grenet contro la Ruta

ruta de grenet malgioglio

Samantha De Grenet, si è capito subito, si sente vicina a Stefania Orlando, tanto che le ha confidato, appena entrata nella Casa, di non aver gradito le uscite della Ruta sull’ex marito, Amedeo Goria. L’effervescente Samantha ha detto:

Non mi è piaciuto molto che abbia parlato delle sue cose private in quel modo. È sempre il padre dei tuoi figli, non so quanto sia giusto parlarne in quei termini.


Leggi anche: GF Vip, Maria Teresa Ruta: lo spot piccante

La Ruta, infatti, come spiega FanPage, non solo aveva accusato l’ex marito di essere stato un padre  assente, ma aveva raccontato anche che, di fronte ad alcune avance subite sul lavoro, lui l’avesse invitata ad accettare. Stefania Orlando ha difeso la Ruta, ma la De Grenet  non è indietreggiata di un passo ed è rimasta con le sue convinzioni. Non solo. Samantha ha lodato, invece la Orlando quando ha raccontato apertamente della sua decisione di non diventare madre.

Non desiderare la maternità è un messaggio coraggioso verso tutta una fetta di donne, raccontare invece una storia denigratoria verso una persona, invece, non serve a nulla.

Malgioglio: “Come hai potuto lasciare i tuoi figli per un uomo?”

malgioglio ruta

Ma la Ruta è stata asfaltata pure da  Cristiano Malgioglio, che lo ha fatto durante un confronto a quattr’occhi  con la stessa Ruta. Il paroliere non riesce a farsi una ragione della scelta della Ruta di essere andata a vivere con il compagno Roberto Zappulla, abbandonando i figli Guenda e Gian Amedeo ancora giovanissimi:

Capisco che una prenda una sbandata, si innamora alla follia. Ma come hai fatto ad abbandonare i tuoi figli per seguire un uomo. Spiegami questa cosa. Siccome sei una donna sensibile, una cosa così mi ha disturbato. Forse non è arrivato tutto il messaggio. Io non avrei fatto una cosa del genere nemmeno per tutto l’oro del mondo. Come hai avuto questo coraggio? Perché non hai fatto vivere quest’uomo con voi?.


Potrebbe interessarti: GF Vip, Striscia la notizia boccia Elia, Malgioglio e Ruta

Lo sfogo della Ruta non  convince Zia Malgy

ruta-goria

La Ruta ha tentato una difesa, con la calma che la contraddistingue,  ha spiegato di “non voler essere un esempio” e ha cercato di far meglio  comprendere il perché della sua scelta. E lo ha fatto con un lungo sfogo, come scrive FanPage, parlando del tentativo di responsabilizzare i figli e di non imporre a loro determinati comportamenti.

Io ho conosciuto Roberto quando Guenda aveva 17 anni e Gian Amedeo 14. Mi sono follemente innamorata. Sono tornata a casa e l’ho detto ai ragazzi. Loro mi hanno detto “Che problema c’è”. Io avevo 45 anni, poteva essere una sbandata, la pre-menopausa, ero in depressione perché il lavoro era sempre meno e i ragazzi cominciavano ad avere un’età per cui erano sempre fuori. Pensavo fosse una cantonata. Ai ragazzi andava bene se veniva a casa. Allora Roberto è venuto a Milano per me, non ha mai pensato di chiedermi di andare a Napoli. Quando la relazione è diventata ancora più intima mi sono accorta che certi nostri comportamenti, certi abbracci naturali erano stonati dentro casa. Era qualche cosa di non giusto. Abbiamo pensato di frenarci, ma non ci riuscivamo. Allora, io – che sono sempre stata rigida coi miei figli – desideravo che andassero in un college. Non volevo figli bamboccioni. E allora abbiamo preso una casa fuori Milano e abbiamo iniziato a ristrutturarla. Guenda aveva 19 anni e Gian Madeo 16 e mezzo ho iniziato a fare 5 giorni a Milano e due giorni là. Un po’ qui e un po’ là, ho visto che se la gestivano benissimo e si rimboccavano le maniche. Io c’ero, ero a 40 minuti. Guenda ha iniziato a lavorare a 13 anni. Io ho iniziato a 15, stavo a Milano e i miei a Torino. Roberto l’ho tenuto a casa due anni, ma il nostro rapporto era molto fisico. E allora dovrei sentirmi in colpa per quando facevo Uno Mattina a Roma e loro erano a Milano con una baby sitter o mia mamma? Se io restavo lì sarei diventata un peso per loro, depressa. Perché devo essere un peso quando posso essere allegra e gioviale e avere una persona che si occuperà di me in vecchiaia e non se ne dovranno occupare loro.

Insomma, Maria Teresa ha  sottolineato il fatto di non aver mai abbandonato i figli,  ma di essere sempre stata vicina a loro. Una difesa che, però non ha convinto Zia Malgy che ha evidenziato di rispettare sì la posizione della Ruta, ma ha aggiunto: “Io non l’avrei mai fatto. Lasciami ragionare con la mia sensibilità”

Francesca Petruccioli
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria, elenco Professionisti
  • Esperta in: Gossip, Tv e Vip
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter