“Girl Power- La rivoluzione comincia a scuola”: trama e cast

21/02/2021

Tra i tanti film che usciranno a breve sul catalogo italiano, c’è anche il film diretto da Amy Poehler “Girl power- la rivoluzione comincia a scuola”, in uscita il 3 marzo 2021. La trama, irriverente e avanguardista, narra di una sedicenne stanca dell’ambiente sessista della sua scuola che decide di ribellarsi ispirandosi alla madre.

Girl-power-La-rivoluzione-comincia-a-scuola-film-trama-cast-e-uscita-scaled (1)

In uscita il prossimo 3 Marzo sul catalogo italiano di Netflix, “Girl power- la rivoluzione comincia a scuola” è uno dei titoli di cui è stato recentemente distribuito il trailer ufficiale.

Nell’ottica di un mondo che vuole combattere contro il sessismo e il maschilismo, questo titolo ha attirato l’attenzione di numerose femministe e associazioni di genere; essere banali e dal respiro fintamente innovatore è facile, ma il romanzo di riferimento promette bene.

Il film infatti è ispirato al romanzo “Girl Power” di Jennifer Mathieu, la regia sarà di Amy Poehler, altro nome abbastanza noto nell’ambiente.


Leggi anche: Ferragnez Baby girl: Fedez svela l’iniziale

Trama, cast e trailer

girl-power-la-rivoluzione-comincia-a-scuola-1920×1080

Una giovane sedicenne, Vivien (Hadley Robinson) è stanca dell’ambiente maschilista e repressivo nei confronti delle ragazze del suo liceo; volenterosa di attuare un cambiamento che resti nella storia, si ispira al passato ribelle e rivoluzionario della madre (Amy Poehler).

Per irrompere nella scuola, la ragazza decide di pubblicare una rivista anonima, ispirandosi ai volantini femministi della madre degli anni ’70; la rivista si chiamerà “Moxie“, e cercherà di imporre la voce delle adolescenti che non si sentono ascoltate e capite.

Prodotto da Paper Kite Productions, questo film sarà distribuito in tutti i paesi in cui è presente Netflix; di fatto avrà una vasta distribuzione su un tema che è ampiamente dibattuto.

La leggerezza nel trattarlo non sarà accettata, soprattutto dopo gli avvenimenti che hanno scosso la società negli ultimi anni in materia di diritti; dal trailer si percepisce una verve satirica e comica, ma potenzialmente potrebbe essere una cosiddetta commedia “young-adult“, edificante, promotrice di messaggi culturali positivi; per giudicare bisognerà aspettare il prossimo 3 marzo.

 

Vito Girelli
Suggerisci una modifica