Grande Fratello Vip: la moglie difende Fausto Leali “E’ un uomo buono”

23/09/2020

Dopo l’espulsione di Fausto Leali dalla casa del Grande Fratello per una frase razzista, interviene la moglie del cantante a difendere l’e vippone. Ecco cosa ha dichiarato…

Fausto-Leali (2)

Fausto Leali non è un razzista“. Lo rivendica a gran voce la moglie del cantane, Germana Schena, intervenuta sul settimanale Chi, in edicola da mercoledì 23 settembre 2020, dopo l’espulsione dell’interprete di “A chi” dal gioco e il suo allontanamento immediato dalla casa del Grande Fratello Vip. Nelle scorse ore Leali si è reso protagonista di un siparietto non proprio edificante. Ha infatti definito “negro” Enock Barwuah, il fratello di Mario Balotelli.

fausto-leali-e-enock-discutono-di-angeli-negri-C-1-article-15178-launch-horizontal-image

Quando gli è stato fatto presente che quella espressione non va utilizzata, Leali si è giustificando dicendo: “Nero è un colore, negro è la razza”. Così facendo, però, Fausto ha ulteriormente aggravato la sua posizione e il Grande Fratello ha disposto che fosse immediatamente allontanato dal loft di Cinecittà. A comunicargli la decisione presa dalla produzione è stato lo stesso conduttore Alfonso Signorini (che per inciso è anche il direttore del settimanale Chi), proprio in diretta durante la puntata.


Leggi anche: Grande Fratello Vip: Fausto Leali concorrente di Signorini?

mario-balotelli-al-grande-fratello-vip-C-1-article-15378-launch-horizontal-image

Ecco le parole di Signorini:

Fausto, il pubblico ti conosce bene sia come grandissimo artista che come grande uomo. Al di là delle tue reali intenzioni, però, il peso delle parole che hai pronunciato può e deve avere una sola conseguenza: sei ufficialmente squalificato dal Grande Fratello, ti aspetto qui in studio per parlarne

Fausto Leali difeso dalla moglie

Sul numero di Chi, in edicola, dicevamo, Germana Schen difende il marito: “Ha sbagliato, è vero, ma non è un razzista, la sua musica oltretutto affonda le radici proprio nel blues. E non è neanche un fascista, Fausto in 50 anni di carriera non si è mai schierato politicamente». Quindi aggiunge: «Era partito con l’intenzione di divertirsi, lui è abituato a stare con i giovani, invece si vede che trovarsi chiuso lì dentro con persone con cui non ha confidenza l’ha messo a disagio e ha fatto delle gaffes, anche importanti. In realtà è un uomo buono, generoso, mentre nella Casa l’ho visto nostalgico, pensieroso… Insomma, non è certo venuta fuori la sua vera personalità».

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica