I Soliti Ignoti: perché il pubblico attacca Amadeus?

09/04/2021

I Soliti Ignoti, il gioco in onda su Rai 1 dalle 20;30 tutte le sere, ha da poco cambiato la sua finalità: i concorrenti, tutti personaggi dello spettacolo, giocano cercando di scoprire il parente misterioso per devolvere il montepremi in beneficenza. Anche Lillo ha partecipato, mettendo però in evidenza che è davvero complicato riuscire a vincere! 

Progetto senza titolo – 2021-04-09T160114.124

Da qualche tempo il gioco condotto da Amadeus su Rai 1, I Soliti Ignoti, ha cambiato il suo obiettivo: anche a causa del Covid, se prima a partecipare erano concorrenti provenienti da tutta Italia che portavano a casa il montepremi accumulato indovinando le professioni misteriose degli ignoti di fronte a loro, ora sono i personaggi del mondo dello spettacolo a giocare per devolvere il ricavato in beneficenza.

Uno degli ultimi protagonisti è stato il comico Lillo, del duo Lillo&Greg: come molti altri che hanno partecipato ai Soliti Ignoti, anche lui si è reso conto che il gioco non è così semplice come si potrebbe pensare. In particolare, il comico è rimasto molto sorpreso quando non è riuscito ad indovinare il parente misterioso.


Leggi anche: Coronavirus: Amadeus ha davvero paura

Arrivato infatti alla “sfida” finale con circa 152mila euro, Lillo ha utilizzato tutti gli aiuti, portando il montepremi a 60.800 euro proprio perché in dubbio tra due ignoti: Alessia, la parente misteriosa, poteva essere sia la sorella dell’ignoto numero cinque, con cui aveva subito visto una somiglianza, ma anche dell’ignoto numero quattro.

I Soliti Ignoti: il pubblico insorge ma Amadeus non ha colpe

Progetto senza titolo – 2021-04-09T160013.132

Seppur molto titubante, alla fine Lillo ha optato per l’ignoto numero cinque, poiché la somiglianza nella forma del viso aveva convinto il comico della parentela tra i due. Alla fine, però, è arrivato il colpo di scena: Alessia non era la sorella dell’ignoto numero cinque, e così Lillo non ha potuto devolvere il montepremi in beneficenza.

Il pubblico da casa, che ha seguito con trepidante attesa il verdetto del parente misterioso, ha manifestato grande frustrazione quando ha scoperto che Lillo non era riuscito a vincere, mettendo in evidenza che Alessia assomigliava molto ad entrambi gli ignoti rimasti e che la scelta era davvero molto difficile.

“Sembravano fratelli tutti e tre!”, ha fatto notare qualcuno. Anche se tentare di indovinare il parente misterioso è il vero clou del gioco, va anche considerato che, se si partecipa a scopo benefico, si dovrebbe cercare in qualche modo di favorire la causa: proprio questo è stato sottolineato dai telespettatori, che hanno notato come gli autori abbiano eccessivamente caricato il gioco di difficoltà.


Potrebbe interessarti: Amadeus “umilia” Barbara D’Urso: ascolti record per lui

Ovviamente Amadeus non avrebbe e non ha colpe in tutto questo ma, come sempre, ogni presentatore diventa parafulmine incolpevole in queste situazioni dove , chi ci mette la faccia, diventa l’unico capro espiatorio

Ilaria Bucataio
Suggerisci una modifica