Il commissario Montalbano “finisce” in carcere

22/09/2020

Il Commissario Montalbano finisce in carcere per voi di una decisione che Luca Zingaretti ha preso. Scopriamo di cosa si tratta…

Luca-Zingaretti-1-compressed

Luca Zingaretti si spoglia dei panni del Commissario Montalbano per dedicarsi a una nuova avventura. Non è più il “re“ di Vigata, ma diventa il re di Sky. Si intitola proprio “Il re” la nuova serie TV di Sky che avrà per protagonista il marito di Luisa Ranieri che indossa questa volta i panni di Bruno Testori, durissimo direttore del carcere San Michele, un carcere di frontiera dove l’idea di giustizia è al di sopra della legge dei tribunali e dei codici di procedura penale.

Testori si sente “il quarto grado di giudizio”: dietro ogni detenuto c’è una storia, una vita deragliata, e anche se fuori dal carcere la prima a essere andata fuori dai binari è proprio la sua di vita, dentro la struttura penitenziaria è un sovrano assoluto. Spietato con chi lo merita, e inaspettatamente misericordioso con altri, sempre seguendo i principi della propria distorta e oscura morale.


Leggi anche: Il Commissario Montalbano, anticipazioni 9 marzo: chi ha ucciso l’amica di Livia?

“Il re” è infatti un dramma carcerario che si snoderà su otto episodi e le cui riprese inizieranno tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 tra Roma, Torino e Trieste. La messa in onda della serie tv è prevista per il nuovo anno.

Per Zingaretti una nuova sfida

cesare-bocci zingaretti montalbano

Dopo 21 anni nei panni di un uomo dallo spiccato senso della giustizia, ora l’attore si trova a interpretare un uomo di tutt’altra fattura, per il quale la giustizia è davvero ben altra cosa rispetto alla visione di Montalbano. Ecco come Zingaretti ha descritto all’Ansa il suo nuovo personaggio:  “È cupo, maestoso, contorto, controverso, un Re per l’appunto. Interpretarlo è una sfida che ho accettato subito e che mi affascina, seguendone lo sviluppo, di pagina in pagina sempre più”.

Ma il Commissario Montalbano è arrivato davvero ai titoli di coda oppure anche questa volta il suo interprete cambierò idea per regalare davvero l’ultimo capitolo della saga al suo pubblico e chiudere in bellezza più di 20 anni di “onorato servizio” a Vigata? Zingaretti ha in effetti espresso, negli ultimi due anno, una profonda incertezza sul continuare o meno la serie tv a causa dei tanti lutti che hanno costellato la serie tv  negli ultimi due anni (sono infatti mancati Camilleri, il regista Alberto Sironi e lo scenografo Luciano Ricceri).

Di sicuro la Rai ha già inserito nel proprio palinsesto un altro episodio, “Il metodo Catalanotti”.


Potrebbe interessarti: Il Commissario Montalbano, anticipazioni oggi 16 marzo: i filmini vintage

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica