Il Segreto, stasera l’ultima puntata: curiosità e censure della soap opera

28/05/2021

Stasera, 28 maggio 2021, su Canale 5 dalle 21.45 circa, andrà in onda l’atteso Gran Finale de “Il Segreto”. La soap spagnola ambientata a Puente Viejo va in onda sulla rete ammiraglia di Mediaset dal 10 giugno 2013. Ben presto è diventata un vero e proprio fenomeno di culto. 

IlSegreto

Dopo 8 anni di successi chiude i battenti la soap opera spagnola “Il Segreto”.

Stasera 28 maggio su Canale 5 dalle 21.45 circa andrà in onda il Gran Finale dell’epopea di Donna Francisca e degli altri personaggi di Puente Viejo. Il mistero racchiuso nel titolo verrà finalmente svelato.

Il Segreto, un successo in oltre 60 Paesi

101894-ppl

Trasmessa dalla rete ammiraglia di Mediaset per la prima volta il 10 giugno del 2013, la telenovela spagnola – di cui sono andati in onda 2.320 episodi – ha segnato un prima e un dopo nella storia della narrativa internazionale.

Ha ottenuto il riconoscimento del pubblico e della critica in oltre 60 paesi tra i quali Cile, Bulgaria, Polonia, Serbia, Montenegro, Bosnia, Slovenia, Croazia, Ungheria, Lituania e Stati Uniti.


Leggi anche: Uomini e Donne: Chi è Alessio Ceniccola? Età, professione, curiosità

Fin dal suo debutto “Il Segreto” si è imposto sul fronte degli ascolti garantendo al day-time di Canale 5 la leadership assoluta della propria fascia d’ascolto.

Un vero e proprio fenomeno di culto che ha fatto registrare puntate record che hanno sfiorato il 35% di share.

Ancora oggi “Il Segreto” continua a essere visto anche in replica su Rete 4 dal pubblico affezionato alle vicende di Donna Francisca, Raimundo, Emilia, Hipolito, Mauricio, Matias e molti altri personaggi.

Il Segreto: i numeri della soap spagnola

PepaTristan-Il-Segreto-1280×720

“El Secreto de Puente Viejo” – titolo originale della serie prodotta da Boomerang TV – ha superato 2.100 giorni di registrazione.

Per dare realismo alle storie che si svolgono nel villaggio, sono stati costruiti un totale di 700 set.

Gli sceneggiatori hanno scritto più di 40.000 sequenze in 105.000 pagine, cifra che si traduce in 105.000 minuti, 1.750 ore, quasi 73 giorni di trasmissione ininterrotta.

La soap ha visto la partecipazione di quasi 800 attori, tra protagonisti e non protagonisti, e circa 24.000 comparse.

“Il Segreto” è stato una vetrina unica per decine di attori che sono riusciti a consolidare la loro carriera, alcuni anche oltre i confini nazionali come Megan Montaner e Álex Gadea, gli amati e mai dimenticati Pepa e Tristan.

La serie è diventata una delle più emblematiche della storia della televisione, studiata da docenti universitari, sociologi e professionisti del settore.


Potrebbe interessarti: Uomini e Donne: chi è il nuovo tronista Massimiliano? Età e professione

L’Accademia delle Arti e delle Scienze della Televisione della Spagna le ha riconosciuto il “Premio Iris” della giuria nell’ottobre 2016 “per aver contribuito alla promozione, allo sviluppo e al rafforzamento dell’industria audiovisiva a livello mondiale”.

Il Segreto: location, curiosità, censura

puente-viejo-location-di-22il-segreto22

Sappiamo che Puente Viejo, che fa da location alla serie, in realtà non esiste. Ci sono, invece, riferimenti a città realmente esistenti in Spagna, quali ad esempio Villalpanda, La Puebla e Munia.

Le riprese de “Il Segreto” sono state realizzare a La Granjilla (El Escorial) e Torremocha del Jaram (Madrid), mentre gli interni a Leganes, sempre nella zona della capitale.

Per la sigla italiana Mediaset ha pensato a un jingle, tratto da un brano musicale molto conosciuto, “Have you ever really loved a woman” di Bryan Adams.

Nella lunga storia de “Il Segreto” c’è stato un episodio di censura. È successo nel corso della puntata 198, quando Pepa e Tristan si incontrano dopo aver scoperto da poco di essere fratelli.

Tristan ammette di non poter credere a questa sconvolgente verità e dice, rivolto a Pepa:

“Non posso accettare questa realtà, accettare che non potrò più toccarti o semplicemente baciarti”.

Nella versione originale il testo è leggermente diverso: “No puedo pensar que jamás te voy a tocar, a besar” e si diceva anche “a desnudar”, “a spogliarti”, espressione che è stata omessa nella versione italiana.

Cristina Damante
  • Autrice
  • Esperta in: Gossip, Serie Tv e Reali d'Inghilterra
  • Laureata in Scienze della Comunicazione
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica