La Lucarelli su Moric e Corona: “Gli assistenti sociali dove sono stati?”

14/10/2020

Anche Selvaggia Lucarelli è voluta intervenire sulla questione che riguarda la telefonata shock tra Nina Moric e Fabrizio Corona. La giornalista, però, se l’è presa con gli assistenti sociali, che avrebbero dovuto proteggere Carlos.

foto-selvaggia-lucarelli-1280×720-1

Ieri Nina Moric ha alzato un grandissimo polverone a causa di un post pubblicato sul suo profilo che conteneva l’audio di una telefonata con Fabrizio Corona, suo ex marito. L’uomo ha usato parole forti nei confronti della showgirl, dicendo che avrebbe voluto ucciderla.

Nel video postato, poi, è partita anche una telefonata con Carlos, il figlio della coppia, che ha spigato alla madre di essere stufo di vivere con il padre e spaventato da lui. La questione, però, non è chiara e dopo le minacce dell’ex re dei paparazzi Nina ha deciso di affidarla al suo avvocato.

Ma Selvaggia Lucarelli ha voluto portare alla luce un altro aspetto della vicenda: le “colpe” degli assistenti social che sono rimasti a guardare invece di intervenire, forse spaventati dai legali dei due personaggi.


Leggi anche: Fabrizio Corona e Nina Moric fanno pace per il figlio

Selvaggia Lucarelli: gli assistenti sociali dovevano intervenire

Schermata 2020-10-14 alle 11.04.55

Tramite un lungo post pubblicato nelle sue Instagram stories Selvaggia ha voluto dire la sua riguardo alla vicenda che, nelle ultime ore, ha visto coinvolti Nina Moric e Fabrizio Corona. Secondo la Lucarelli, però, grandi colpe in tutta questa situazione andrebbero da imputare agli assistenti sociali. 

“Talvolta così solerti nell’intervenire su genitori i cui interessi non sono difesi da avvocati di fama qui cosa hanno fatto?”

chiede retorica.

“Come hanno protetto un ragazzo chiaramente cresciuto in un contesto malsano?”

“Ho ragione di credere che in un altro contesto si sarebbe pensato di più al bene di un ragazzino che alle pretese dei genitori!” continua.

Che ne pensate? Siete d’accordo con lei? Carlos Maria Corona andava tutelato in modo differente?

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica