Le Iene: Alessandro Di Sarno aggredito dai Casamonica

- 20/10/2020

Aggressione dei Casamonica alle Iene: vittima (per fortuna illesa) Alessandro Di Sarno con il suo autore Vincenzo Mauro.

DI-SARNO-CASAMONICA-1


Le Iene sono finire ne mirino dei Casamonica. A farne le spese, per fortuna in maniera non grave, è stato l’inviato del programma di denuncia di Italia 1 Alessandro Di Sarno che insieme con il suo autore Vincenzo Mauro aveva fatto visita a Nando Casamonica. La Iena voleva capire come mai il Casamonica avesser permesso a un bambino di  guidare la macchina, mostrano poi orgogliosamente le gesta pubblicando il video sul suo profilo Instagram.

L’uomo non ha molto gradito, secondo i racconti fatti dalla Iena, la visita ricevuta dalla Iena e la situazione sarebbe in breve  degenerata.
“Ci hanno aggredito e immobilizzato” racconta Alessandro Di Sarno, che ha poi ripercorso l’accaduto.


Leggi anche: Sanremo: Virginia saluta il clan dei Casamonica

Il racconto della Iena Alessandro Di Sarno

Schermata 2020-10-20 alle 13.50.53

È sabato 17 ottobre 2020 e la Iena, assieme all’autore Vincenzo Mauro si recano nel quartiere Romanina, a sud est della capitale, per incontrare Nando Casamonica. “Siamo andati da Nando per capire cosa l’avesse spinto non solo a far guidare la macchina a un bambino, ma anche a pubblicare quel video come fosse un trofeo” spiega la Iena rampante, che prosegue poi nel racconto spaventoso:  “Hanno immobilizzato Vincenzo (Mauro, ndr) e hanno estratto tutte le schede dalle telecamere distruggendole”, per fare in modo, insomma, che il servizio non andasse in onda il lunedì successivo, ossia lunedì 19 ottobre 2020.

Una signora mi ha strappato la telecamera di mano rompendo i microfoni” ha continuato Mauro. Mentre un’altra donna ha tentato di strappare la telecamera,  un uomo è giunto alle spalle di Vincenzo che cerca di scappare, mentre il “signore” lo rincorre con un manico di scopa in mano. Questo inseguitore è Guerino Casamonica, padre di Nando.

Immediatamente sono state chiamate le forze dell’ordine che hanno tratto in salvo la Iena e il suo collaboratore. “Per fortuna inspiegabilmente una scheda è rimasta nella telecamera che ha filmato tutto” ha poi rassicurato la Iena.

Commenti: Vedi tutto