Leotta e Belen: ecco cosa ne pensa Bruno Vespa

08/09/2020

Intervistato su “Leggo” per il suo ultimo libro “Bellissime!”, Bruno Vespa commenta alcune delle icone femminili di seduzione più famose di ieri e di oggi. 

Diletta-Leotta-è-pensierosa-1

“Uno spaccato del costume italiano degli ultimi 60 anni. Dal Neorealismo fino a Instagram, sembrano siano passati sei secoli”.

È così che, in un’intervista per “Leggo” firmata da Marco Castoro, Bruno Vespa parla del suo ultimo libro “Bellissime!”, edito da Rai Libri, in cui dedica delle parti a protagoniste dello spettacolo di ieri e di oggi.

Diletta Leotta e Belen Rodriguez: il giudizio di Vespa

belen

Di Diletta Leotta scrive Vespa, come ricorda il giornalista:

“Si ha la sensazione che tutta questa grazia di Dio e dei chirurghi potrebbe essere sostituita da un momento all’altro con altra grazia. Diletta sconta quel senso di bambola italiana made in China uscita da un catalogo”.


Leggi anche: Belen: il suo lato B nel libro di Vespa

Forse Diletta si è risentita? Ha risposto Vespa:

“Che io sappia no. Del resto la bellezza può essere anche costruita a tavolino se fa contare milioni, non solo di follower. È un rischio ma vale la pena correrlo”.

Su Belen Rodriguez:

“Ha una sensualità prorompente. Non è un’attrice, sia chiaro, mentre altre sono andate in carriera interpretando ragazzine e poi le nonne come la Sandrelli. Belen è molto intelligente, ha saputo valorizzare il proprio corpo sfruttando Instagram. Tanto di cappello”.

Spazio anche a Valeria Marini:

“La Marini è stata la più gentile. Del resto tra il 1996 e il 2020 l’ho avuta a ‘Porta a Porta’ per 39 volte”.

Monica-Bellucci

Su Monica Bellucci:

“La percepisco come quella più distante. Splendida donna, indubbiamente. Molto fredda però. Non è il prototipo della passionaria come la Lollo, la stessa Sandrelli è una molto passionale. Lei mi pare bellissima ma molto fredda”.

Infine, una riflessione sui miti come la Loren e la Lollobrigida, e su cosa sarebbe accaduto se ci fosse stato Instagram allora. Dice Vespa:

“Non lo so. Probabilmente avrebbero potuto stancare prima. Allora si faceva la fila al cinema per vederle, file adesso scomparse. C’era l’aspettativa di vedere le dive, cosa che adesso non c’è più”.

Cristina Damante
  • Autrice
  • Esperta in: Gossip, Serie Tv e Reali d'Inghilterra
  • Laureata in Scienze della Comunicazione
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica