Luca Onestini rifiuta il matrimonio con Ivana


Luca Onestini si confessa e parla a 360 gradi della sua vita, dal matrimonio con la fidanzata Ivana Mrazova fino al rapporto con la vitiligine, malattia che lo accompagna da quando aveva 10 anni.

luca-onestini-intervista

Mentre Luca Onestini trascorre le sue vacanze tra serate e relax, ecco arrivare un’intervista molto interessante dell’ex concorrente del Grande Fratello VIP.
Tanti i temi affrontanti, tutti molto interessanti per i fan del ragazzo che, ancora una volta, si è dimostrato una persona semplice e genuina, caratteristiche che lo hanno reso un beniamino del grande pubblico

Ecco i passaggi più interessanti dell’intervista rilasciata in esclusiva per il settimanale Spy diretto dal suo amico Alfonso Signorini

luca-onestini-vintiligine

Si inizia con il lavoro e il momento sentimentale decisamente felice per lui

Questa è un’estate felice. Ho lavorato per tutta l’estate in Sardegna con il mio amico Raffaello Tonon per Radio Zeta. In più ho avuto la fortuna di passare tanto tempo in compagnia della mia fidanzata. Cosa potrei volere di più?

Ecco le parole di Luca sul rapporto di Ivana con i suoi genitori

Ha un bellissimo rapporto con i miei genitori: lei e mia mamma poi si adorano. Presto andrò in Repubblica Ceca per conoscere la sua famiglia che ancora non ho avuto il piacere di incontrare. Insomma, sono felice.

Interrogato sulla data del loro matrimonio ecco che però Luca tira il freno a mano e dichiara

Calma: è ancora presto, ci conosciamo da meno di un anno… Va tutto alla grande, ma non bisogna correre.

Luca Onestini racconta della sua luca-onestini-vitiligine

L’intervista si è poi conclusa parlando della sua malattia, la vitiligine: ricordiamo che Luca Onestini ha avuto il coraggio di sfatare un tabù mostrando il suo problema con uno scatto su Instagram.
L’ex concorrente soffre di vitiligine localizzata alle gambe, motivo per cui spesso non mostrava mai le gambe

Ce li ho da quando ho dieci anni e non me ne sono mai vergognato: fanno parte di me. Si tratta solo di un colore diverso della pelle per mancanza di un pigmento, niente di più. Spesso la causa scatenante è lo stress, soprattutto le ricadute psico-somatiche nelle persone particolarmente sensibili. Invece bisogna fregarsene: come dico io, umore alto tutta la vita.


Vuoi ancora più SoloDonna?

Accedi gratuitamente ai nostri video, news e anticipazioni.

Commenti: Vedi tutto