Luca Tommassini: aggredito e rapinato

27/10/2020

Nella serata di lunedì 26 ottobre, allo scattare del coprifuoco, il celebre coreografo Luca Tommassini si è trovato di fronte ad alcuni rapinatori prima sulla porta di casa e poi all’ingresso del suo condominio. Prima che arrivassero le volanti di polizia, gli è stata puntata una pistola alla gola. Rubati cellulare, chiavi di casa e dell’allarme. 

luca tommassini foto-960713-908×560

Momenti di grande paura per Luca Tommassini.

Il coreografo di tante stelle del pop mondiale – che nella sua lunga carriera ha seguito star del calibro di Michael Jackson, Madonna e Kylie Minogue, solo per citarne alcune – è stato aggredito e rapinato a Roma, dove vive, presso la sua abitazione.

Luca Tommassini: “Mi hanno puntato una pistola alla gola”

luca-tommassini-aggredito


Leggi anche: Luca Tommassini choc: insulti e minacce per lui!

Tommasini è stato vittima di un tentativo di furto con scasso nella sua casa di Trastevere a Roma. Il coreografo, alle 23 di lunedì 26 ottobre, allo scattare del coprifuoco, si è ritrovato di fronte a un gruppo di rapinatori prima sulla porta di casa e poi sull’ingresso del condomino.

Dopo essere fuggito per le scale, Tomassini è stato immobilizzato da due rapinatori che gli hanno puntato una pistola in faccia e in gola. Ha raccontato all’Ansa l’artista:

“Avevano un borsone, accette, picconi, e non so che altro, mi spingevano, strattonavano”.

Ha aggiunto:

 “Li ho supplicati di non uccidetemi, mi hanno puntato la pistola alla gola. Poi sono arrivate per fortuna le volanti, ma sono stato un’ora in balia di di questi folli”.

A Tommasini sono stati rubati il cellulare, le chiavi di casa e dell’allarme.

Non è la prima volta che a Tommassini capitano situazioni del genere. Già nel 2017 c’era stato un tentativo di furto nella sua casa, ma all’epoca i malviventi, avendolo trovato nella sua abitazione, accortisi della sua presenza, erano scappati via senza prendere nulla.

A febbraio 2020, poi, Tommassini aveva denunciato un attacco omofobo: il coreografo aveva trovato un post-it attaccato sul suo citofono con scritto “Fro**o vattene”. Era seguito un lungo sfogo sui social in cui l’artista aveva rivendicato la necessità di contrastare e combattere una simile violenza.


Potrebbe interessarti: Lele Mora rapinato in un campo ROM

Cristina Damante
  • Autrice
  • Esperta in: Gossip, Serie Tv e Reali d'Inghilterra
  • Laureata in Scienze della Comunicazione
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica