Mara Venier al marito Nicola: non voglio c… Ecco perché

06/05/2020

Mara Venier ha sempre ragione.  Lo ammette anche suo marito, Nicola Carraro, che in un video su Instagram dichiara che…

Schermata 2020-05-03 alle 11.46.38

L’esuberante Mara Venier è un fiume in piena di energia. Ieri è andata a trovare il nipotino Claudietto e in un video che ha postato su Instagram la si vede felice e contenta mentre rincorre il bambino che è tutto un sorriso. Cuore di nonna, aveva tantissima voglia di stare con i suoi affetti e, approfittando dell’allentamento del  lockdown, è uscita di casa non solo per lavoro e per strettissima necessità, ma per… Affetto.

1DB1806E-A74C-4925-824D-C2EBD593DC29

Naturalmente Mara si è portata dietro il marito Nicola Carraro, che solo un paio di giorni fa aveva dichiarato di non voler più mettere piede fuori casa perché era stato traumatizzato dall’uscita con la maschera  e dall’impossibilità di poter stringere e abbracciare le persone alle quali vuole molto bene. Ecco cosa era accaduto: Nicola e la moglie erano andati in farmacia e avevano incontrato la figlia di Mara, Elisabetta, con il piccolo Giorgio. Non poterlo abbracciare per Nicola era stato un duro colpo tanto che aveva voluto tornare immediatamente a casa promettendo che non sarebbe più uscito finché la situazione non fosse cambiata.


Leggi anche: Mara Venier, il marito confessa: “Non volevo che accettasse Domenica In”

La forza persuasiva di zia Mara

mara e carraro

Ma zia Mara ha avuto gli argomenti giusti e le giuste motivazioni per portarlo di nuovo fuori casa. Ecco come Carraro racconta su Instagram la sua seconda uscita al tempo del Coronavirus: “Buongiorno amici di Abbracciamoci con le parole, vi voglio raccontare cosa mi è accaduto ieri: Mara mi dice ‘non voglio c…, voglio che tu esca’. Carraro sull’attenti… si ride, naturalmente.

Il racconto prosegue: Mara dice al marito: ‘Andiamo a vedere, con le giuste misure, ossia mascherine e tutto quanto nostro nipote Claudietto’. “Per me era un po’ un colpo al cuore, ma ho accettato. Sono andato lì e sono molto contento di essere andato. Lui che correva come un pazzo”, giocava “con tutti i suoi giochi, poi faceva finta di giocare ai pompieri, di spegnere l’incendio. Era un pazzo scatenato. È una gioia per il cuore meravigliosa. Certo, senza abbracci è  tutta un’altra cosa. Però è meglio che niente”. Brava zia Mara. Osp, nonna Mara. Hai colpito ancora una volta nel segno. Se questo non è amore…

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica