Michelle Hunziker minacciata chiede aiuto a Giovanna: arriva Trussardi.

04/05/2020

Michelle Hunziker minacciata chiede aiuto a Giovanna Botteri dopo le parole di morte ricevute sui social. Un appello che arriva direttamente anche da suo marito: Tomaso Trussardi…

botteri striscia

Una rivolta contro di lei, Michelle Hunziker. La conduttrice di Strisca La Notizia è stata fortemente criticata sui social e accusata di body shaming ai danni dell’inviata Rai, Giovanna Botteri.

Accuse che hanno costretto Michelle a chiedere l’intervento della stessa giornalista Rai. Ma non solo: anche suo marito Tomaso Trussardi ha voluto dire la sua in difesa di sua moglie…

Michelle chiede aiuto a Giovanna: pensaci tu!

Giovanna-Botteri-Striscia-la-notizia-2

Il servizio di Striscia la notizia sulla giornalista 62enne ha creato non pochi problemi a Michelle costretta a difendersi da critiche, accuse e soprattutto minacce.

“Cara Giovanna a questo punto mi rivolgo direttamente a te perché sta succedendo un putiferio su una notizia completamente falsa”. Inizia così il video messaggio della showgirl svizzera che difende il servizio di Striscia. “Dicono che abbiamo fatto un servizio per offenderti e invece noi abbiamo fatto un servizio contro i tuoi haters. Tutti parlano ma secondo me non l’hanno nemmeno visto, infatti quando farai swipe up e andrai a vederti il servizio vedrai che alla fine c’è Gerry Scotti che dice: ‘Brava Giovanna per l’importante lavoro che fai, vai avanti così e non badare a chi va a vedere il capello’. Cioè per me più chiaro di così non si può”. Poi Michelle rivolge una domanda direttamente a Giovanna:  “Secondo me abbiamo fatto un servizio dalla tua parte, tu che cosa ne dici? Me lo fai sapere per favore? Un bacio, grazie, ciao Giovanna”.


Leggi anche: Verissimo, Tomaso Trussardi si confessa e parla di Michelle

Anche la Littizzetto ha criticato Giovanna…

botteri-hunziker

In queste ore Striscia la Notizia sta facendo girare sui social un commento ‘poco carino’ di Luciana Littizzetto su Giovanna Botteri. Intanto la giornalista Rai ha deciso di scrivere una lettera aperta e pubblicarla sul sito del sindacato del giornalisti Rai. “Mi piacerebbe che l’intera vicenda, prescindendo completamente da me, potesse essere un momento di discussione vera, anche aggressiva, sul rapporto con l’immagine che le giornaliste, quelle televisive soprattutto, hanno. O dovrebbero avere secondo non si sa bene chi…”.

Poi ancora: “Qui a Pechino sono sintonizzata sulla Bbc, considerata una delle migliori e più affidabili televisioni del mondo. Le sue giornaliste sono giovani e vecchie, bianche, marroni, gialle e nere. Belle e brutte, magre o ciccione. Con le rughe, culi, nasi e orecchie grossi. A casa ascoltano semplicemente quello che dicono. Perché è l’unica cosa che conta, importa, e ci si aspetta da una giornalista”. Un messaggio forte e chiaro per chi avesse da dire ancora qualcosa sul suo look certamente non all’ultima moda…

A difendere Michelle c’è anche suo marito…

trussardi hunziker

A difendere la propria moglie ci pensa direttamente Tomaso Trussardi . Il marito della conduttrice svizzera non ci pensa su due volte e su Instagram, in una Stories interviene sull’argomento che sta raccogliendo l’attenzione di tanti. A difendere Michelle Hunziker anche sua figlia Aurora Ramazzotti che ha condiviso le parole di Trussardi aggingendo solamente: “Non aggiungo altro”.

L’entità delle minacce (molte di morte) che ci sono state rivolte ed il bullismo anche femminile è stato esponenzialmente superiore a ciò di cui è stata accusata ingiustamente mia moglie”. Questa la prima parte del messaggio di Tomaso Trussardi che poi continua: “L’amarezza sta nel constatare che queste accuse nascono da una stampa il cui ruolo dovrebbe imporre di riportare e spiegare i fatti non fomentare odio e distanze”.


Potrebbe interessarti: Ambra e Michelle Hunziker quarantena insieme?

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica