Morgan choc: vuole lasciare l’Italia, ecco perché

14/09/2020

Senza casa, senza lavoro ma con tanta voglia di gridare la sua verità, i suoi progetti. Questo è Morgan che in una chiacchierata con Giovanni Terzi su Libero si apre, racconta cosa vorrebbe fare della sua vita…

B9118EC4-FD7D-4139-A35C-396AD9E56B9F

Cosa pensa di fare Morgan da grande? Marco lo racconta a Libero, in una chiacchierata con un amico, con Giovanni Terzi. “Penso di andarmene fuori dalle scatole per sempre. In Italia l’arte non è compresa a nessun livello; qui o ti adegui al torpore o devi scappare. Guarda per esempio cosa è accaduto a Sanremo…”.

Colpa anche dei social e il lockdown ha peggiorato la situazione. “Assolutamente sì. Nella quarantena, che è stato il grande magna magna dei signori dei social e dei network, gli artisti sono stati messi in ginocchio, e solo il Papa una volta nella Messa ha detto due parole sugli artisti, per il resto calma piatta”.


Leggi anche: Morgan e Ermal Meta rissa online e insulti

Morgan torna sull’ultimo Festival, su quel gesto…

morgan sanremo

Anche a Sanremo c’è stato un gesto artistico di Morgan? “A Sanremo non hanno capito nulla del mio gesto. Sì: nulla. Si sono solo scandalizzati, e questo è buono perché è giusto che un gesto poetico stupisca ma non sanno il perché”. Poi ancora: “Qualcuno si è domandato perché sessanta milioni di persone sanno a memoria i miei otto versi o no? Con un’azione di quella potenza che abbraccia tutte le età, tutte le fasce culturali e tutte le fasce economiche e le prende tutte in quaranta secondi di performance all’una di notte, in America io sarei già candidato alle presidenziali…”. Un gesto invece che ha scandalizzato solo perchè “contiene verità, I social, il nuovo modello è quello di imparare a fingere“.

Qualcuno si è chiesto se quel gesto gli ha portato qualcosa, qualche soldo. Lui smentisce. “Non ci ho guadagnato un centesimo, dico un quattrino, da quella cosa”. C’è una petizione che chiede un programma musicale in Rai con Morgan, con la sua conduzione. “Sarebbe un gesto anche questo rivoluzionario se la Rai accettasse di dare un programma accogliendo una petizione popolare. Siamo gia a oltre due- mila firme ed è stata una cosa che mi ha fatto piacere. Chissà se potrà accadere di dare voce alla libertà”.

Ludovico Merlo
  • Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Esperto in: TV, Spettacolo e Gossip
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica