Morgan sorprende tutti: la proposta per Michele Bravi…

Susanna Minelli
  • Dott. in Lettere e Storia
26/05/2022

Morgan tesse le lodi del giovane Michele Bravi, il suo pupillo ad X Factor, dichiarando profonda ammirazione per il cantante tifernate: “Lui è una cosa seria. Perché è tanto diverso dagli altri e viaggia in un’orbita molto ma molto distante da dove stanno gli altri”. 

Morgan si dichiara a Michele Bravi

Morgan ha conosciuto Michele Bravi ad X Factor, quando il giovanissimo cantante tifernate vinse l’edizione. Era il suo pupillo e Morgan, nome d’arte di Marco Castoldi, ai tempi aveva fortemente investito nel giovane che ora è molto cresciuto ed è reduce dall’ultima edizione del Festival di Sanremo dove ha avuto un grande successo di pubblico.

I due, tuttavia, da quell’edizione del talent show che si svolse otto anni fa non si sono visti più. Ma Morgan, visti i successi di Bravi e soprattutto le battaglie personali intraprese nel campo dei diritti Lgbt, ha voluto tessere le lodi del ragazzo affermando che il valore della sua arte è altissimo e molto differenziato da quello degli altri cantanti in circolazione:

Dico una cosa grossa che non ho mai detto, tutti gli altri in confronto sembra che scherzino, lui è una cosa seria. Perché è tanto diverso dagli altri e viaggia in un’orbita molto ma molto distante da dove stanno gli altri. Questo non è merito mio perché io non lo frequento credo da otto anni, ma io posso dire di averlo trattato con cura, di aver onorato la sua delicatezza perché è anche la mia, ma questo Michele Bravi 2.0 non è merito mio. È la musica che decide.

La proposta di Morgan

Morgan si dichiara a Michele Bravi

Dichiarazioni che lasciano spazio anche alla commozione: Morgan infatti si sente un padre nei confronti del giovane Bravi che tanto è cresciuto negli ultimi anni. Un padre che, tra le righe delle sue parole, ha fatto intendere che vorrebbe collaborare presto insieme a lui musicalmente parlando:

Ma ora vorrei tanto tanto dirgli che sono fiero di lui come un padre, e presentarmi al suo cospetto e abbracciarlo e guardarlo in faccia senza neanche parlare perché ora potremmo comunicare telepaticamente, siamo sintonizzati sulla frequenza della musica, stesso orbitale, chissà cosa potremmo fare se ripetessimo una collaborazione musicale, ora che ha capito.

Un appello pubblico, dunque, che chissà se il giovane cantante umbro accoglierà…