Netflix blocca la condivisione delle password?

29/03/2021

A metà marzo il sito “The Verge” ha diffuso la notizia di una nuova funzionalità in fase di studio da parte di Netflix per bloccare la condivisione delle password tra abbonati. Ma al momento alcuni iscritti, negli Stati Uniti, hanno ricevuto solo un blando avvertimento, senza che ciò comprometta l’accesso al servizio. Perché?

netflix-ottobre-2019

Di recente Netflix ha annunciato un’importante novità per i suoi abbonati.

A metà marzo il sito “The Verge” ha diffuso la notizia di una nuova funzionalità, in fase di studio, pensata per evitare, come accade attualmente, che la stessa password di accesso al servizio di streaming sia condivisa tra amici e parenti.

Tuttavia, in base a quello che sta accadendo, forse passerà ancora un po’ di tempo prima che ciò sia implementato, ammesso che davvero si concretizzi. Vi spieghiamo perchè.

Netflix e password: l’avvertimento agli utenti

Netflix


Leggi anche: Netflix, La casa di carta: chi è Il Professore (Álvaro Morte), carriera e vita privata

Come riporta il “Corriere” solo negli Usa un terzo di coloro che fruiscono della piattaforma ammette di fare uso di scorciatoie per condividere il proprio account e dunque pagare meno.

Questo, per il colosso dello streaming, significa minori introiti da incassare.

Nonostante ciò, almeno per il momento, non sarebbero in atto misure drastiche. Lo segnala la testata “Quartz”.

Secondo il giornale statunitense di informazione economica e politica, infatti, alcuni utenti di Netflix hanno ricevuto un semplice avvertimento.

Nel messaggio viene richiesto loro se sono autorizzati o meno ad accedere al servizio. Se non si vive col proprietario dell’account – viene fatto presente – occorre crearne uno nuovo per continuare a guardare film e serie Tv.

Tre le opzioni contemplate: verificare l’account con un codice inviato via sms o email, verificarlo più tardi o iscriversi a una prova gratuita. Insomma, nessun blocco.

Netflix vuole sensibilizzare gli abbonati

Netflix

Il vero obiettivo di Netflix, dunque, sarebbe soprattutto portare avanti un’opera di sensibilizzazione della sua audience.

Perché allora non si è optato per un provvedimento più netto e severo?

Come spiega il “Corriere”, condividere le password, nei soli Stati Uniti, potrebbe costare al mercato dello streaming una perdita di circa 25 miliardi di dollari all’anno, come indica la società di analisi Magid.


Potrebbe interessarti: La casa di carta: chi è Tokyo (Úrsula Corberó), carriera e vita privata

Tuttavia per Netflix ci sarebbe un nemico peggiore da tenere a bada, la pirateria.

Ancora “Quartz” cita uno studio del 2019 di CordCutting secondo cui il gigante dello streaming ha perso il 10% dei ricavi per colpa di coloro che, al posto di guardare i contenuti sulla piattaforma streaming, preferiscono scaricarli da Torrent.

Senza contare che inasprire le misure non gioverebbe alla percezione del marchio presso i consumatori, che hanno mostrato invece finora di apprezzare il servizio digitale proprio per la sua flessibilità e l’attenzione alle esigenze degli utenti.

Cristina Damante
  • Autrice
  • Esperta in: Gossip, Serie Tv e Reali d'Inghilterra
  • Laureata in Scienze della Comunicazione
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica