Netflix, “Britney contro Spears”: data d’uscita, trama e trailer

25/09/2021

Fra pochi giorni debutterà su Netflix il documentario Britney contro Spears della regista Erin Lee Carr. Il docufilm racconta la vicenda giudiziaria che riguarda la popstar statunitense Brtiney Spears e suo padre Jamie, al quale era stata affidata la tutela legale della figlia. Scopriamo insieme la data d’uscita, la trama e il trailer.

briney-1Briney contro Spears è un docufilm della regista Erin Lee Carr, la quale ha indagato sulla lotta alla libertà di Britney Spears, la famosa cantante statunitense, insieme alla giornalista Jenny Eliscu. Il docufilm sarà disponibile su Netflix dal 28 settembre, il giorno prima dell’udienza che rivelerà la decisione della giudice Brenda Penny.

Tramite interviste, prove ed investigazioni, il documentario racconta la battaglia di Britney Spears contro suo padre Jamie Spears, a cui era stata affidata la sua tutela legale, accusato di “abuso di custodia”.

Britney contro Spears: la trama

britney-2La sinossi ufficiale rilasciata da Netflix recita:


Leggi anche: Chiara Ferragni schifata: vuole giustizia per Britney Spears

La giornalista Jenny Eliscu e la regista Erin Lee Carr indagano sulla lotta per la libertà di Britney Spears, passando per interviste esclusive e prove riservate.

Il documentario sarà incentrato sulla tutela di Briney Spears, ponendo domande sulla necessità dell’insolito accordo legale e analizzando la presunta corruzione del padre. Inoltre tratterà anche dei numerosi problemi legati alle leggi sulla tutela e sul sistema giudiziario nella sua totalità.

La vicenda della tutela legale

britney-3Negli ultimi anni, a partire dal 2014, Britney Spears aveva chiesto diverse volte che suo padre Jamie non fosse più il suo tutore. La popstar statunitense era infatti soggetta alla cosiddetta conservatorship, uno strumento legale americano che viene applicato a persone anziane o disabili mentali e che permette al tutore di controllare il patrimonio e la vita personale della persona assistita.

Jamie Spears era stato nominato tutore legale di Britney tra il 2007 e il 2008 insieme all’avvocato Andrew Wallet, dimessosi nel 2019, in seguito a una grave crisi nervosa di sua figlia, la quale fu sottoposta a un TSO. Nel settembre del 2019 aveva chiesto di essere esentato dalla tutela della figlia per via dei suoi problemi di salute: attualmente controlla soltanto il suo patrimonio, di un valore pari a 60 milioni di dollari.

Nell’ultimo anno Britney ha manifestato apertamente la sua contrarietà nei confronti del controllo che suo padre ha sulla sua vita e sul suo patrimonio, cosa che non aveva mai fatto pubblicamente.


Potrebbe interessarti: Netflix, I Mitchell contro le macchine: data e trama