Netflix, La casa di carta: chi è Berlino (Pedro Alonso), carriera e vita privata

12/04/2020

Narcisista, manipolatore, sessista. Pieno di fascino ed eleganza, con ideali tutti suoi. Il personaggio della serie Netflix è interpretato dall’attore spagnolo, classe 1971, che ama il calcio, la pittura e le frequentazioni femminili.

berlino pedro alonso

Narcisista, arrogante, con manie di grandezza e il costante bisogno di sedurre e fare una buona impressione. Simula una grande empatia con le sue vittime, in realtà ne è privo. Ama manipolare gli ostaggi e fare con loro giochetti psicologici, soprattutto con le donne. Eloquio forbito, fascino perverso, eleganza da dandy.

Stiamo parlando di Berlino, uno dei personaggi più incisivi de “La casa di carta”. La sua fine arriva entro gli ultimi secondi della seconda stagione, tuttavia rimane una presenza fissa anche negli episodi successivi attraverso flashback. Come quando lo vediamo cantare “Ti amo” di Umberto Tozzi insieme al coro dei monaci fiorentini al matrimonio toscano con Tatiana (Diana Gomez) nella quarta stagione, da poco disponibile su Netflix.


Leggi anche: La Casa di Carta: Pedro Alonso, Berlino, ispirato da un incontro

berlino-canta-ti-amo-in-italiano-la-casa-di-carta

Il vero nome di Berlino è Andrés de Fonollosa. Una lunga carriera nei furti di gioielli, per un totale di circa 27 rapine. Il suo colpo più grande è avvenuto a Parigi, agli Champs-Elysees, dove è riuscito a portar via 434 diamanti. Ha iniziato a dedicarsi al crimine per mantenere lo stesso stile di vita agiato a cui era stato abituato. È il fratello maggiore di Sergio Marquina, conosciuto come Il Professore. Stessa madre, padri diversi.

L’attore spagnolo che interpreta Berlino è Pedro Alonso.

“La casa di carta”: Pedro Alonso (Berlino), Messi, pittura e donne

Berlino Pedro-Alonso-3

Pedro Alonso è nato il 21 giugno 1971 a Vigo, una città sulla costa nord-occidentale della Spagna, vicino al Portogallo.

Ha studiato alla Royal Higher School of Dramatic Art di Madrid. Il suo anno di svolta, a livello professionale, è stato nel 1996, quando ho recitato in tre pellicole spagnole. Da allora non si è più fermato. Il successo mondiale è arrivato nel 2017 con “La casa di carta“.

Appassionato di calcio, ha definito il suo imprevedibile Berlino il Lionel Messi della serie. Lo ha fatto in un’intervista alla versione turca di “GQ”, che nel 2018 gli ha dedicato la copertina come “Uomo dell’anno”.

Secondo un’altra intervista che ha fatto con “El Pais”, Alonso trova i ruoli eroici troppo riduttivi. “I cattivi sono spesso più interessanti. Un cattivo può fare quello che vuole, e se vuoi trovare l’umanità in quel personaggio, puoi”.


Potrebbe interessarti: La Casa di Carta 5 spoiler: il ritorno di Berlino

È anche un grande amante della pittura. Molti dei suoi dipinti si possono trovare sul suo profilo Instagram sotto forma di fotografia. L’attore è solito firmare le sue opere con il nome Pedro O’Choro, dal cognome di suo padre (@pedroalonsoochoro è anche il suo account Instagram, seguito da 6,9 milioni di follower).

Proprio come l’affascinante personaggio che interpreta ne “La casa di carta“, sembra che Alonso sia un grande rubacuori. Diversi rumors lo hanno accostato, in passato, alla cantante argentina Jimena Barón.

Pedro Alonso

Tuttavia, nell’estate 2018, sul red carpet del Monte Carlo Television Festival l’attore ha sfilato con una giovane donna di nome Tixie, di professione ipnoterapeuta.

Alonso è padre di una figlia, Uriel, nata nel 1998.

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica