Netflix: nuova miniserie dedicata al Cannibale di Milwaukee

26/03/2021

Netflix è pronto a lanciare una nuova serie di Ryan Murphy, autore di titoli di successo come American Horror Story, l’assassinio di Gianni Versace e the Politician; annunciato anche l’attore che interpreterà il terribile Cannibale di Milwaukee, volto già noto nelle produzioni di Murphy. Vediamo insieme tutto quello che si conosce su questa miniserie.

Netflix

Netflix è ricca di serie tv di ogni tipo ma, senza ombra di dubbio, una tipologia che raccoglie un buon numero di pubblico sono quelle firmate dalla regia di Ryan Murphy; un regista poliedrico, in grado di spaziare da una serie come Glee, passando poi per un mondo decisamente più dark e oscuro come American Horror Story e il mondo delle miniserie ispirate a serial killer reali.

La nuova produzione che prenderà il via nelle prossime settimane è quella dedicata al cannibale di Milwaukee, un serial killer che ha terrorizzato negli anni ’80 con una serie di omicidi efferati.


Leggi anche: American Horror Story: dove guardala in streaming?

Questo personaggio aveva già fatto parte della quinta stagione di American Horror Story Hotel e, adesso, tornerà in veste di protagonista.

Evan Peters sarà il protagonista di Monster

Evan-Peters

Evan Peters è un attore che ha visto la sua scalata nella produzione si serie tv proprio grazie a Ryan Murphy che, in realtà, è come se fosse stato il suo talent scout. La serie ispirata a Jeffry Dahmer, vedrà il suo volto protagonista e si chiamerà “Monster“.

La serie, ovviamente  disponibile e prodotta da Netflix, sarà composta da 6 episodi e la miniserie vedrà la luce entro la fine del 2021. Penelope Ann Miller e Shaun J. Brown saranno altri attori molto noti che prenderanno parte alla serie, già confermati dallo stesso Murphy.

La narrazione sarà incentrata su almeno 10 dei 18 casi confermati dalla polizia e, cosa che susciterà particolare scalpore, anche sull’inefficienza della polizia statunitense che non riuscì ad incastrare il killer in tempi accettabili. 

Vito Girelli
Suggerisci una modifica