Netflix, Squid Game: 5 segreti da scoprire

12/10/2021

Netflix ama stupirci con le sue serie Tv e con Squid Game non è stata da meno: oltre ad una storia che ha fatto appassionare milioni di fan, Squid Game nasconde alcuni importanti segreti, vediamo insieme quali sono.

squid game reale

Squid Game non è una semplice serie tv firmata Netflix ma, visto il suo successo, possiamo definirla un vero fenomeno di massa: la serie tv, che visto l’incredibile seguito promette di avere un sequel, non solo ha appassionato milioni di fan ma ha dato vita adirittura ad un Squid Game nella vita reale.

Squid game: 5 segreti nascosti della serie su Netflix

Come le migliori serie, anche Squid Game nasconde alcuni ester egg, alcuni indizi quasi nascosti capaci di essere interpretati solo in un secondo momento ma che alimentano tesi, teorie e futuri sviluppi della storia.

Vediamo insieme i primi 5 segreti di Squid Game


Leggi anche: Netflix, Squid Game: da serie TV a gioco reale

Tutti i concorrenti scelgono la tessera blu

squid game tessera

Nel primo episodio della stagione, tutti i concorrenti che vengono contattati per partecipare allo Squid game, scelgono la tessera blu na ddakji, gioco proposto dal reclutatore durante il loro primo incontro.
Nel dormitorio si vede proiettato il filmato di tutti i concorrenti più importanti durante il loro reclutamento: la scelta delle tessere è sempre la stessa, la blu.
Alcuni utenti hanno ipotizzato che chiunque abbia scelto la tessera rossa, invece, sia diventata una guardia del gioco.

Tutte le morti sono annunciate in anticipo

Visionando con attenzione l’episodio due della prima stagione, si possono trovare tantissimi indizi delle morti dei protagonisti.
Si comincia con Alì, che ruba al suo capo i soldi (anche se in realtà aveva un credito con lui), e il suo destino viene segnato dal furto di Sang-woo che gli ruba le biglie

Deok-su, il delinquente del gruppo, salta da un ponte per evitare di essere eliminato dalla banda: la morte dell’uomo, come sappiamo, avverrà proprio cadendo da un ponte (di vetro questa volta)

My-nyeo svela la sua morte in anticipo

morte my.ny squidgame

Anche Mi-nyeo, altra protagonista della serie annuncia come avverrà la sua morte: da donna del crudele Deok-su, a rinnegata della “banda” per diventare membro della squadra dei “buoni.
Durante l’episodio cinque, la donna svela alla sua nuova squadra (dopo aver vinto il gioco del tiro con la fune) quando si fosse sentita potente quando si era piegata all’indietro per reggere l’urto della squadra avversaria.
La sua morte, purtroppo, è proprio molto simile a quella posizione che l’aveva fatta sentire potente: durante il gioco dei vetri, decide di suicidarsi portando con lei anche Deok-su, al quale aveva promesso una morte certa nel caso l’avesse tradita.
Promessa mantenuta.


Potrebbe interessarti: Netflix: Bridgerton la serie TV, costumi e curiosità

Sae-byeok cambia accento

Come sappiamo Sae-byeok è una fuggitiva della corea del nord, fuggita all’esercito per trovare una vita migliore, durante la fuga perde il padre, mentre la madre rimane nelle mani del dittatore nord coreano.
Con lei si salva anche il fratello che però finisce nell’orfanotrofio dove spesso va a trovarlo: durante i colloqui, per chi conosce la lingua, si può notare come la ragazza usi un accento nord coreano mentre, durante le conversazioni con i concorrenti, Sae-byeok cambia accento parlando con una cadenza prettamente sud coreana

Un dettaglio curioso ma che dimostra la cura dei dettagli

Il giocatore 001 non esiste?

squid game file 002

Quando Hwang Jun-ho, il poliziotto sotto copertura che sta cercando suo fratello, apre il fascicolo del gioco del 2020, trova nel faldone dei giocatori un’importante ammanco. Il fascicolo del giocatore 001 non esiste, non c’è o è stato sottratto, come se non fosse mai stato inserito nella cartella.
Questo dettaglio è fondamentale per un probabile colpo di scena della prossima stagione…