Netflix, “True Story”: data d’uscita, trailer, trama e cast

28/10/2021

La nuova miniserie originale Netflix si intitola True Story e approderà sulla piattaforma streaming verso la fine di novembre. True story narra le vicende di Kid e Carlton, due fratelli che dovranno affrontare una spiacevole vicenda, che metterà a repentaglio tutto ciò che hanno conquistato nel corso della loro vita.

true-1True Story è la nuova miniserie originale Netflix disponibile dal 24 novembre. True Story è stata scritta da Eric Newman, showrunner di Narcos, e racconta in sette puntate la storia di due fratelli coinvolti in una spiacevole vicenda. La regia è affidata a Stephen Williams (Watchmen, Lost) e Hanelle Culpepper (Star Trek: Picard). Di seguito il trailer di True story.

True Story: la trama

true-2Kid è un comico di fama mondiale che, durante una tappa del suo tour nella sua città natale Philadelphia, si trova a dover fare i conti con chi è e quello che vorrebbe essere. Lo scopo di Kid è quello  di proteggere tutto ciò che si è guadagnato in questi anni, in un mondo dove il successo è un’arma a doppio taglio, tra crimini e menzogne.


Leggi anche: Disney Plus, “American Horror Story 10”: trailer ufficiale e trama di Red Tide

Proprio a Philadelphia, il comico dovrà affrontare le conseguenze di un’assurda serata, accanto al suo imprevedibile fratello Carlton.

Il cast

true-3I due fratelli Kid e Carlton sono rispettivamente interpretati da Kevin Hart e Wesley Snipes. Accanto ai due protagonisti, saranno presenti anche Billy Zane (Titanic), Tawny Newsome (Space Force), Paul Adelstein (Prison Break), Will Catlett (Black Lightning), Chris Diamantopoulos (Silicon Valley), Lauren London (The Game), Ash Santos (American Horror Story), John Ales (Euphoria) e Theo Rossi (Sons of Anarchy).

Durante un’intervista, lo sceneggiatore e produttore della miniserie Eric Newman ha spiegato il motivo per cui avrebbe scelto Kevin Hart come attore per il ruolo di Kid:

“Mentre facevo alcune ricerche su Kevin, sono rimasto colpito da quanto sia ambizioso, da quanto vasto sia il suo impero, e questo combacia più o meno con la teoria che ho coltivato per molto tempo, che la sociopatia è comune nelle persone di successo. Credo che molti di loro siano in grado di uccidere qualcuno. E sicuramente ho pensato che Kid come personaggio avrebbe ucciso per proteggere ciò che aveva costruito”.