Nina Moric fa la matta: Carlos e Fabrizio la bullizzano così…

Rachele Luttazi
  • Esperta in TV e Personaggi televisivi
31/03/2022

La preoccupazione di Nina Moric per la salute del figlio Carlos Maria è ormai alle stelle, così la modella ha postato un appello via social accusando Fabrizio Corona. Così, padre e figlio hanno risposto alla madre, confutando quanto affermato da quest’ultima.

Nina Moric fa la matta: Carlos e Fabrizio la bullizzano così…Giusto ieri sera, Nina Moric ha postato un appello sui social per suo figlio Carlos Maria. Quest’ultimo, infatti, negli ultimi tempi si trova assieme al padre Fabrizio Corona, fatto di cui la madre non è per nulla tranquilla. Così, quest’oggi, è arrivata la replica del figlio e di Corona, che tramite un video postato nel profilo Instagram di Carlos hanno risposto alle accuse della Moric, confutando tutto quello che lei ha detto.

Carlos Maria e Fabrizio Corona alleati contro Nina Moric

Nina Moric fa la matta: Carlos e Fabrizio la bullizzano così…Preoccupata per il figlio Carlos Maria, Nina Moric ha pubblicato nelle sue stories Instagram di ieri un appello via social per salvare il ragazzo dal padre, Fabrizio Corona. La Moric aveva scritto nelle sue stories:

Da madre mi vergogno di fare questo appello. Carlos soffre di psicosi transitoria/acuta. Deve essere curato. Non ha il telefono e nessuno mi risponde dalla parte paterna. Se non prende i farmaci accorciati con l’analisi comportamentale cognitiva sarà la sua fine Vi prego aiutatemi, mio figlio ha bisogno!

Dura la replica del figlio e di Corona, che tramite un video postato sul profilo Instagram del ragazzo, hanno risposto a quanto affermato dalla madre. Corona esordisce affermando:

Tua madre in questi giorni sta facendo la matta sui social. Precisando che queste cose andrebbero discusse in casa e non nel mezzo pubblico, sembra che gli psicologi e psichiatri non hanno più notizie tue. Chiunque può avere notizie tue. Stai male? Sei malato?

Alle domande il figlio risponde di no, così il padre prosegue:

Fai un appello allora. Dì a tutti che non sei malato e che se vogliono i tuoi psicologi possono venirti a chiederti queste cose qui

Successivamente, il dialogo continua: “Stiamo bene?”, “Sì; “Ti sto obbligando a fare qualcosa?”, “No“.