Paolo Bonolis e Sonia Bruganelli: panico in vacanza

- 30/06/2020

Su Instagram la produttrice Tv Sonia Bruganelli, moglie del conduttore Paolo Bonolis, ha raccontato alcuni momenti di panico vissuti in famiglia, ad Ansedonia. La causa? La voglia di indipendenza e libertà di qualcuno che è con loro da tempo ed è molto amato: il gatto Boss! 

Paolo Bonolis e Sonia Bruganelli, ansia in vacanza


Sonia Bruganelli è in vacanza con figli avuti dal marito, il conduttore Paolo Bonolis, e amici che ogni tanto li raggiungono ad Ansedonia. L’imprenditrice continua ad aggiornare via social i suoi followers con post, Stories e dirette web.

Di recente la produttrice tv a capo della Sdl 2005, società di casting e produzioni, ha raccontato di alcuni momenti di paura e preoccupazione causati da un membro della famiglia. Di chi si tratta?

Sonia Bruganelli racconta la paura per Boss

Gatto Boss IMG-20200630-151956

“Chi ci ha fatto perdere 5 anni di vita oggi perché aveva deciso di viversi la sua libertà?!?”, ha scritto la Bruganelli in un recente post. A chi si stia riferendo Sonia è presto detto. Si vede nella foto inserita a corredo dalla moglie di Bonolis. Il “colpevole” è il gatto Boss (di recente i Bruganelli-Bonolis hanno accolto anche il piccolo Tigro).


Leggi anche: Paolo Bonolis e Sonia Bruganelli: bocciature clamorose

Da poco, poi, Sonia ha condiviso con i suoi follower un’esperienza particolare avuta tramite Boss. Ecco cos’ha detto la Bruganelli in una diretta Instagram:

“Sono qui da Ansedonia. Sono due giorni che facciamo su e giù a cercare il gatto. Non ne vuole sapere di rimanere dentro casa, con una villa così grande. Nonostante lui sia stato castrato e non conosca il posto, lui giustamente ha deciso che è più importante la sua libertà. Lui tutti i giorni se ne va in giro. A volte torna, a volte non torna. Questa notte è tornato alle cinque e mezza…”.

Ha proseguito Sonia:

“L’avevo messo in punizione. Devo farmi valere come mamma… Sono uscita e ho visto un gattino lì fuori. Dopo un po’ l’ho trovato di nuovo fuori. Ho pensato fosse un suo amichetto. Mi sono sentita una mamma terribile. L’ho lasciato uscire… Non me la sentivo di tenerlo qui prigioniero. È giusto starci attenti, ma è vero anche che è la loro vita”.

cat boss IMG-20200630-152247

Molti followers hanno interagito con la produttrice dandole consigli e confrontandosi con quello che vivono a loro volta con i loro felini. “Credo, alla fine, che comprerò il microchip, che segnali dov’è. Così starò più tranquilla”, ha concluso la Bruganelli.

Commenti: Vedi tutto