Sanremo 2021: festival rinviato a quando?

18/01/2021

L’incertezza attorno al Festival di Sanremo regna ancora sovrana e la kermesse, a causa del nuovo Dpcm, potrebbe slittare di un paio di settimane. Vediamo quale è il parere del sindaco della cittadina ligure.

Amadeus-1

Il Festival di Sanremo è sempre più avvolto nell’incertezza. A complicare le cose è il nuovo Dpcm emanato lo scorso 16 gennaio che resterà in vigore fino al 5 marzo prossimo. Il Festival dovrebbe andare in scena dal 2 al 6 marzo e qualcosa dunque dovrà cambiare. In attesa del vertice della Rai che si dovrebbe tenere a metà settimana per capire come procedere, anche a riguardo della nave “bolla” per il pubblico dell’Ariston, è intervenuto Alberto Biancheri, il primo cittadino della cittadina ligure sostenendo di fatto che lo slittamento eventuale della kermesse canora renderebbe tutto più semplice e snello.


Leggi anche: Sanremo: Fedez e Michielin pronti per l’Ariston

Ecco cosa ha dichiarato, come riporta Il Secondo XIX:

“La decisione consentirebbe di superare un eventuale picco della terza ondata dell’epidemia. Non solo: penso anche all’ultimo Dpcm, emesso il 16 gennaio, che scadrà il 5 marzo, nel pieno della manifestazione”.

Auspicabile lo slittamento di Sanremo?

Schermata 2021-01-16 alle 20.17.06

Secondo il sindaco, però, lo slittamento auspicato non dovrebbe andare oltre le due settimane, ossia dal 16 al 20 marzo o dal 23 al 26 marzo 2021. Nel caso tutto si complicherebbe in un altro senso, soprattutto per via degli accordi tra il Comune e Teatro Ariston.

Biancheri ha parlato anche della doppia possibilità: la nave “bolla” o il Festival a porte chiuse: il primo cittadino ritiene oltremodo importante salvaguardare Sanremo dentro e fuori dal teatro, quindi a detta sua ben venga lo slittamento anche di una ventina di giorni piuttosto che un rinvio a dopo Pasqua (che sarà il 4 aprile 2021).

coronavirus

Le decisioni del vertice Rai, come del resto le date dell’evento canoro noto in tutto il mondo, saranno sicuramente condizionate anche dalla curva dei contagi e dall’indice Rt. Stando a quanto stiamo vivendo ora, per vedere la curva dei contagi diminuire  si arriverebbe nelle immediate vicinanze del 2 marzo, troppo a ridosso per prendere decisioni in serenità.

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter