Sanremo 2021 rinviato a causa del Covid? Amadeus avvisa tutti

06/09/2020

Nelle ultime ore si è appreso che il Festival della Canzone italiana l’anno prossimo potrebbe essere cancellato. Il motivo? Ce lo ha spiegato Amadeus!

ariston

Poco più di un mese fa sono stati ufficializzati i palinsesti Rai per la stagione televisiva 2020/2021. Ovviamente tra questi è spuntato il nome de “Il Festival di Sanremo“. Amadeus e Fiorello sono stati riconfermati alla conduzione e la data è stata fissata per Marzo, e non a Febbraio come sempre.

Visto l’aumento dei contagi a cui stiamo assistendo negli ultimi giorni, poi, i tanti fan del programma sono preoccupati che, come per tanti altri show, anche il Festival alla fine venga cancellato.

A precisare la situazione, però, nelle ultime ore è intervenuto il futuro conduttore che, intervistato durante il Festival della Tv e dei nuovi media di Dogliani, ha spiegato come stanno le cose: non si esclude la cancellazione!


Leggi anche: Sanremo: Fedez e Michielin pronti per l’Ariston

Amadeus: senza il pubblico non si andrà avanti

FIORELLO-AMADEUS

“Non c’è nessun piano B per il Festival di Sanremo, deve essere nella totale normalità. O si fa con il pubblico o nulla. E’ impensabile un Ariston vuoto, o con il pubblico distanziato e l’orchestra con i musicisti ogni due metri.  L’Ariston è un tempio meraviglioso, ma gli spazi sono limitati.ha detto il conduttore durante la sua lunga intervista.

” E poi chi glielo dice a Fiorello che non può sputarmi l’acqua sul collo?” ha aggiunto scherzando. La scorsa edizione è stata un’enorme successo e anche quella di quest’anno si prospettava piena di risate, talento e colpi di scena. Ma, vista la situazione, Amadeus e gli altri che lavorano dietro al progetto, non se la sentono di rischiare.

“Non è una presunzione ma il Festival è la cosa più importante per chi fa il mio lavoro, è come la nazionale per un calciatore. E provo un grande senso di responsabilità, nel bene e nel male, per quello che sta succedendo.” ha aggiunto l’uomo. “Il coronavirus lascia alla tv la capacità di adattarsi. Senza il pubblico stiamo facendo una tv che non avremmo mai immaginato di fare, neanche a febbraio quando abbiamo fatto Sanremo nella totale normalità. Venti giorni dopo ho fatto I soliti ignoti senza pubblico e con la distanza tra i concorrenti e gli ‘Ignoti’. Ora non vediamo l’ora di tornare alla normalità. Il Festival di Sanremo 2021, quello che per me è il 70+1, deve essere il primo post Coronavirus, quello della rinascita: deve essere il festival della normalità dopo la pandemia.”


Potrebbe interessarti: Sanremo, Amadeus presenta AmaSanremo

Chissà come andranno a finire le cose…

Arianna Preciballe
Suggerisci una modifica