Sanremo 2023: le canzoni in anteprima per SoloDonna, le pagelle

Andrea De Lissandri
  • Responsabile Editoriale
  • Digital Strategist
16/01/2023

Le canzoni di Sanremo 2023 sono ancora “segrete”, non solo le melodie ma anche i testi: SoloDonna è stata invitata ufficialmente a partecipare all’evento di oggi 16 gennaio 2022 per ascoltare in anteprima tutti i brani in gara del Festival condotto da Amadeus

Sanremo 2023: le canzoni in anteprima per SoloDonna, le pagelle

Manca meno di un mese a Sanremo 2023 e, come sempre, anche quest’anno è arrivato il giorno dell’ascolto in anteprima delle canzoni che vedranno Festival: l’evento, dedicato agli addetti ai lavori e ai giornalisti, è andato in scena a Milano e Roma.

L’ascolto per il nostro magazine si è svolto a Roma presso il Teatro delle Vittorie negli studi dei Soliti Ignori: Amadeus e tutto lo staff dell’evento in collegamento da Milano, hanno presentato i 28 brani in gara.

Il primo ascolto, come sappiamo, nasconde molte insidie e già dalla prima serata il nostro giudizio potrebbe cambiare: 28 brani ascoltati in 2 ore non sono facili da metabolizzare.
La maggior parte ci racconterà l’amore in tutte le sue forme: dal dolore, al sogno, dall’amore LGBT a quello violento…pochissimi altri hanno scelto temi differenti anche se impegnati.
Vediamo le nostre pagelle

Pagelle canzoni Sanremo 2023: anteprima

Sanremo 2023: le canzoni in anteprima per SoloDonna, le pagelle

  • Ultimo con la canzone “Alba”
    Niccolò Moriconi arriva a Sanremo con un bel pezzo, il suo piano lo accompagna come sempre in un brano intenso
    Voto 8,5
  • Giorgia con la canzone “Parole dette male”
    La voce di Giorgia non è in discussione ma il pezzo R&B che porterà a Sanremo purtroppo non arriva
    Voto: 7 (
  • Articolo 31 con la canzone Un bel viaggio
    Bentornati ragazzi: il pezzo del duo è una cronistoria del loro rapporto professionale e privato che, come sappiamo, è costellato di successi e liti pubbliche.
    Qualche parolaccia per dare colore e tanta consapevolezza di essere cresciuti, oltre ala voglia di superare gli errori del passato.

    Non volevamo crescere/ ma è successo tutto a un tratto/ e fai tutte le cose che giuravi non avresti fatto

    Voto 5,5

  • Modà con la canzone “Lasciami”
    Una canzone intensa che racconta il problema della malattia mentale: una scelta coraggiosa che, purtroppo, non siamo certi verrà premiata dalla classifica.
    Voto 7,5
  • Paola & Chiara con la canzone “Furore”
    La vera nota positiva è la loro reunion: dopo 25 anni le due amiche hanno deciso di tornare ma, il pezzo, purtroppo non è un capolavoro. Vederlo all’Ariston sarà già un regalo,
    Voto 5,5
  • Tananai con la canzone “Tango”
    Un testo con tanti punti oscuri: rime da far accapponare la pelle per un brano che difficilmente verrà ricordato tra i più bei brani del Festival
    Voto 4
  • Madame con la canzone “Il bene nel male”
    L’artista più discussa di questa edizione (e non per motivi artistici) porta in gara un bel brano ma che non piacerà a tutti.
    Voto 7
  • Mr.Rain con la canzone “Supereroi”
    L’Auto-Tune la fa da padrone in una canzone che parla d’amore ma che offre un ritmo e passaggi musicali davvero piacevoli: siamo convinti che potrebbe arrivare tra le prime 5 canzoni per la finalissima.
    Se questo non avvenire sarebbe un vero “furto”.

    Siamo angeli con un’ala soltanto e riusciremo a volare/ solo restando l’uno accanto all’altro

    Voto 8,5

  • Elodie con la canzone Due
    Un brano che delude: su Elodie le attese erano molto alte, non solo per le sue capacità ma anche per gli autori che hanno seguito il progetto del brano. Peccato

    Sapessi dirti basta/ ma il cuore danza/ per me le cose sono due/ lacrime mie o lacrime tue

    Voto 6

  • Lazza con la canzone “Cenere”
    Una canzone d’amore con un testo che non convince, il rapper milanese si presenza con un pezzo che non crediamo abbia molte possibilità di vincere. Per lui sarà un ottima vetrina
    Voto 6,5
  • Mara Sattei con la canzone “Duemilaminuti”
    Un testo bellissimo accompagnata da una musica forse un po’ troppo da “Sanremo”: una delle cinque canzoni più belle di questo Sanremo
    Voto 8,5
  • Colapesce, Dimartino con la canzone Splash
    Il duo non si smentisce e si presenta con Splash, una bella canzone d’amore dove le voci di Colapesce e Dimartino offrono interessanti spunti.

    Ma io lavoro per non stare con te/ Preferisco il rumore dei cantieri infiniti/ a quello del mare

    Voto 7,5

  • Leo Gassman con la canzone “Terzo cuore”
    Leo torna a Sanremo ma purtroppo non convince: il brano è un qualcosa di già sentito e il pubblico potrebbe non apprezzare. Con la nuova gestione firmata Amadeus lo stile dei brani selezionati è evoluto e, Gassman, sembra essere ancora troppo ancorato ad un passato ormai superato.
    Voto 6
  • Gianluca Grignani con la canzone Quando ti manca il fiato
    Un grande ritorno che potrebbe deludere: il brano di Grignani racconta il difficile rapporto con il padre, padre a cui è dedicata la canzone.

    Ciao papà/ o addio papà/ io ti perdono/ le mie lacrime sono sincere/ ma c’è chi non lo farà

    Voto 5

  • Anna Oxa con la canzone Sali (Canto dell’anima)
    Purtroppo il ritorno della Oxa non coincide con il suo miglior brano: una canzone troppo “stressata” nella voce con un testo poco lineare. Ottimo il suo ritorno sull’Ariston, decisamente meno il brano.
    Voto 4,5
  • Ariete con la canzone Mare di guai
    L’idolo di migliaia di ragazzi ha fatto centro: una canzone ben scritta e con una buona melodia. Il tema trattato è quello dell’amore per una ragazza: nessuno scandalo ma una nuova consapevolezza che non può far che bene al Festival di Sanremo.
    Amadeus ha fatto una scelta da un lato intelligente e da un lato coraggiosa: sicuramente aprirsi ad un pubblico giovane aiuterà gli ascolti e l’interazione con i social, dall’altra in molti potrebbero criticare lo sdoganamento in un Festival “Classico” di un tema come quello dell’amore LGBT.

    Uniamo i respiri sento caldo la mattina/ tu buttati con me, mare di guai/ non so nuotare in una vasca piena di squali

    Voto 8

  • Marco Mengoni con la canzone Due vite
    Grandi aspettative per il suo brano, talmente alte che alla fine dell’ascolto diversi giornalisti si sono lasciati andare da un applauso. Esagerato: un buon brano ma non ai livelli del Mengoni che conosciamo. Certo è che in un Festival dove molti brani, almeno ad un primo ascolto, non sembrano eccellere, le note di Marco
    Voto 8
  • Shari con la canzone Egoista
    La seconda canzone in gara con un tema LGBT: l’amore non ha forma ma, sentirlo cantare da un punto di vista come quello di Shari, aprirà nuove frontiere nella composizione di molti artisti.
    Voto 6
  • Colla Zio con la canzone Non mi va
    Una canzone splendida che verrà canticchiata da tutti (sala stampa compresa) fin dal primo ascolto: non vincerà Sanremo, ma sarà sicuramente una delle canzoni simbolo!
    Voto 9
  • Levante con la canzone Vivo
    Una forza della natura che conferma la qualità della voce e della capacità di scrittura.
    Voto 8,5
  • Coma_Cose con la canzone L’addio
    Una canzone struggente dove l’addio non è una possibilità: un bel brano
  • LDA con la canzone Se poi domani
    A tratti il brano mi ha ricordato intensamente alcuni dei successi dei Backstreet Boys: il testo nasconde alcuni bei passaggi, ma la musica è un già sentito purtroppo.
    Voto 7
  • Rosa Chemical con la canzone Made in Italy
    Un brano sulla libertà sessuale: un testo discutibile che piacerà ad un target giovane ma che non troverà successo al Festival.

    Ti piace/ che sono perverso e non mi giudichi/ se metterò il rossetto/ in ufficio lunedì/ Da due passiamo a tre/ più siamo meglio èVoto 5

  • Sethu con la canzone Cause perse
    Sethu questa volta mi ha proprio sorpreso: un buon testo su una musica coinvolgente, sono convinto che Marco De Lauri potrà colpire non solo il pubblico ma anche gli addetti ai lavori
    Voto 8,5
  • Will con la canzone Stupido
    Passiamo oltre
    Voto 2
  • Olly con la canzone Polvere
    Canzone dalla forte connotazione quasi dance con rime e parole non all’altezza dell’Ariston.
    Voto 3
  • Cugini di campagna con la canzone “Lettera 22”
    Un gruppo storico della musica italiana ha fatto una scelta coraggiosa: tornare davanti al grande pubblico dopo il successo degli anni 70 ma, lo stesso pubblico, potrebbe non perdonare il loro brano.
    Voto 4
  • Amadeus
    Per il quarto anno si è dovuto confrontare con un progetto enorme, fatto di soddisfazioni ma con tanti tanti rischi.
    La scelta dei brani non deve essere stata facile ma, nonostante questo, il risultato finale credo sia davvero un ottimo lavoro
    voto 9

Non ci resta che attendere il 7 febbraio per goderci lo spettacolo e, nel frattempo, fare i complimenti ad Amadeus per il gran lavoro svolto fin qui!