Sanremo: Frizzi omaggiato ma Carlotta Mantovan criticata

07/02/2019

A un anno dalla scomparsa del suo Fabrizio Frizzi, Carlotta Mantovan ancora non si dà pace: il dolore è ancora fresco e lei fatica a consolarsi, nonostante la loro piccola stella sempre accanto.

carlotta-mantovan-frizzi-massacrata

Carlotta Mantovan in questi giorni sta rivivendo il dolore della scomparsa prematura del marito, avvenuta a marzo dello scorso anno: il 5 febbraio Fabrizio Frizzi avrebbe compiuto 61 anni

E in un anniversario così triste e le ferite si riaprono è bello vedere che gli amici di sempre non si sono scordati del grande Frizzi, che durante la prima serata del Festival di Sanremo è stato ricordato dal direttore artistico Claudio Baglioni, ma non averlo più accanto è davvero difficile. Il settimanale Diva e donna propone delle immagini che ritraggono la Mantovan sola e triste mentre passeggia con lo sguardo basso in cui traspare tutto il dolore che le è rimasto dentro.


Leggi anche: Avanti un altro! Naike Rivelli ricorda commossa Fabrizio Frizzi da Paolo Bonolis

Carlotta Mantovan massacrata sui social dagli haters

fabrizio frizzi carlotta

Solo accanto alla sua bambina, Carlotta ritrova il sorriso: Stella, tanto desiderata dalla coppia è nata cinque anni fa dall’amore con il conduttore, era la gioia di papà che la chiamava “il mio capolavoro“ e oggi è la vera forza della sua mamma, che vive oggi solo per lei.
Ma la felicità viene spesso rovinata da qualcuno, molte volte qualcuno di estraneo, soprattutto in questa epoca in cui i social impazzano e la gente cattiva non sa tenere a freno la tastiera.

fabrizio frizzi carlotta oggi

Recentemente Carlotta, dopo la pubblicazione di una foto della sua Stella sul web, è stata infatti massacrata dal popolo della rete. Oltre ai like e agli apprezzamenti, infatti, si sono scatenati gli haters, gli ‘odiatori da tastiera’ che hanno accusato la donna di essere indifferente ai commenti e alla vicinanza dei fan. La Mantovan, stando ai suoi detrattori, non commenta né risponde mai a quanti la incoraggiano o le fanno i complimenti. Ma la libertà non esiste più?