Scanzi umilia la prima pagina di Libero

10/11/2020

Andrea Scanzi, è una delle penne del Fatto Quotidiano. Di recente Scanzi ha deciso di commentare la prima pagina di Libero; criticando aspramente il titolo scelto dal quotidiano.

Andrea-Scanzi

Andrea Scanzi è un giornalista, uno scrittore e un attore teatrale. Scanzi quotidianamente ama condividere il proprio pensiero con i suoi fan. Il giornalista infatti sul suo profilo Facebook commenta fatti di politica e di attualità. 
Sagace e ironico, Andrea nei suoi post riesce a mettere in ridicolo le sue vittima con estrema eleganza. Di recente il giornalista ha deciso di commentare l’ultima copertina di Libero, che faceva riferimento alla nuova Vice Presidente Americana. 

Andrea Scanzi sulla copertina di Libero

124481751-4152866204729676-9009277757512322026-n

Scanzi non ha mai nascosto l’astio che c’è tra lui e il giornale Libero. In particolare il giornalista del Fatto Quotidiano ha deciso di commentare l’ultima copertina del quotidiano; ecco le sue parole:


Leggi anche: Privato: Flavo Briatore insulti e offese con Andrea Scanzi

“La foto che vedete è la prima pagina di Libero di stamani. Ogni mattina, quando mi arrivano le notifiche di Google Alert, constato con divertimento come tutti i “giornali” fasci mi dedichino ogni giorno articoli tanto fantasiosi quanto deliranti.
Di questa galassia fascia fanno parte giornali morti e siti infinitesimali [. . . ] Una mandria di siti razzisti e citrulli che, messi insieme, non arrivano a mille lettori. Ovviamente il “giornale” che più mi insulta è proprio quello che si chiama con involontaria autoironia Libero. Sono fantastici”.

Andrea nel suo post ha prima di tutto spiegato che molto spesso viene attaccato da numerosi giornali; inseguito poi è entrato nel vivo della questione e ha commentato la prima pagina di Libero:

“Questa perla contemporanea, che ogni mattina raschia il fondo della sugna, stamani ha avuto il coraggio di fare un titolo del genere. Una roba così vomitevole che, se solo Goebbels fosse ancora vivo, gli direbbe probabilmente di non esagerare. Ecco: l’idea, anzi la certezza, che giornali così mi detestino[ . . . ], mi rassicura il giusto: se gente così mi stimasse, mi preoccuperei parecchio!“.

Anna Vitale
  • Laureata in Scienze della Comunicazione digitale e d’impresa
  • Esperta in: TV e Gossip
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica