Taylor Swift contro Netflix: denigrata perché donna

02/03/2021

La pop star, ex reginetta del country americano Taylor Swift, si è scagliata apertamente contro Netflix ed alcune frasi sessiste pronunciate contro di lei; l’accusa della cantante è quella di essere stata denigrata e discriminata per essere una donna che lavora. Il Tweet lanciato dalla Swift è adesso in tendenza, mentre altri chiedono “Respect for Taylor Swift”.

Swift accuse netflix sessismo

Taylor Swift è una delle pop star più famose e ricche degli ultimi anni; nata come un fenomeno del country-pop quando aveva solamente tredici anni, la cantante americana è passata con il singolo “Shake it off” ad essere una principessina del pop a tutti gli effetti.

La cantante, oltre che per la sua musica, è nota anche per essere spesso vittima di “parodizzazioni “per il suo rapporto con l’amore ed i suoi ex fidanzati; spesso alla cantante viene recriminato di dedicare ogni triste canzone d’amore ad un suo ex, questo non solo il suo modo per esorcizzare il dolore di una rottura in campo amoroso, ma una vera e propria “strategia” per trovare ispirazione.


Leggi anche: GF Vip, bestemmie, frasi sessiste e razziste: il peggio di quest’anno

Al momento la cantante è infuriata con Netflix ed in particolare due serie tv che avrebbero utilizzato il suo nome e le sue vicende personali per fare ironia; l’accusa è grave e il Tweet lanciato da Taylor Swift sta velocemente entrando in tendenza.

“Accusate le donne che lavorano” il duro attacco di Taylor Swift

Swift infuriata contro Netflix

Le serie incriminate sono Degrassi: Next Class e Ginny & Georgia, entrambe disponibili su Netflix; la frase relativa a Ginny and Georgia, quella che ha scatenato l’ira della cantante e dei suoi fan è la seguente:

“di che ti preoccupi? Cambi uomini più spesso di Taylor Swift”.

Prima che la stessa cantante potesse esprimersi a riguardo, gli “swifties”, il nome che la sua fandom base si è data, aveva iniziato a diffondere l’hashtag #RESPECT TAYLOR SWIFT; Taylor Swift però ci ha tenuto a ribadire il suo dissenso con un Tweet pubblico che al momento è andato in tendenza in tutti i paesi sul social dei cinguettii:

“Ehi, Ginny & Georgia, il 2010 ha chiamato e rivuole indietro la sua battuta pigra e sessista. Che ne dite di smettere di degradare le donne che lavorano duramente definendo DiVeRtEnTe questa merda? E poi, Netflix, dopo Miss Americana questo vestito non ti sta bene. 💔 Buon Women’s History Month, immagino”


Potrebbe interessarti: Taylor Mega e la polvere bianca: l’influencer si difende così

Non sappiamo se la cantante prenderà dei provvedimenti legali contro queste frasi, ma è certo che se dovesse iniziare a punire ogni persona che muove questa accusa nei suoi confronti, dovrebbe partire dai più remoti angoli di youtube, sino ai grandi nomi come le serie Netflix.

Vito Girelli
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter