Temptation Island, Alessandro Medici: una dura lotta

11/04/2021

Alessandro Medici sta affrontando la dura riabilitazione dopo la lesione dei legamenti del ginocchio; per fortuna la sua amata Sofia è sempre d’aiuto ma, nonostante il dolore sia particolarmente acuto, in sogno è arrivato un bellissimo aiuto da parte di una persona che non c’è più. Sui social Alessandro ha condiviso con i suoi followers del suo sogno e della sua situazione.

alessandro-medici-e-sofia-calesso-1200×675

Sono questi giorni molto complessi per la coppia di Temptation Island composta da Sofia Calesso e Alessandro Medici; i due perugini stanno affrontando insieme la riabilitazione di Alessandro dopo una lacerazione dei legamenti del ginocchio.

Un viaggio in ospedale che aveva preoccupato fan, amici e parenti che hanno scritto in massa commenti di apprensione e sostegno al macellaio perugino; in queste ore Alessandro ha condiviso un tenero momento personale che ha affrontato in sogno, ribadendo anche quanto l’appoggio della sua Sofia sia fondamentale.

In questi momenti però l’appoggio incondizionato di qualcuno che aiuta non fisicamente è fondamentale e, ovviamente, Alessandro questo lo sa bene ed ha voluto renderlo noto a chi lo stima e lo segue.


Leggi anche: Temptation Island: Sofia Calesso e Valeria Liberati hanno fatto pace?

Alessandro Sogna suo nonno per la prima volta

Medici

Il Coronavirus ha portato tutti noi a rivalutare il valore delle persone, anche di quelle che purtroppo non sono più presenti; questo è quello che è accaduto anche ad Alessandro che, in sogno, ha ricevuto la visita di un suo caro.

“Oggi il dolore è più forte, ma per la prima volta ho sognato te nonno che mi sei vicino e con l’amore di Sofia stringo i denti e vado avanti”

Una tenera dimostrazione d’affetto che Sofia ha riconvidiso sul suo profilo social, aggiungendo un semplice ma forte “Ti amo“.

Speriamo che Alessandro possa riprendersi presto ma che, come sta già facendo, possa apprezzare sempre più quello che queste situazioni possono insegnare anche senza “volerlo”.

Vito Girelli
Suggerisci una modifica